In tendenza

Noa e Gil Dor, protagonisti a Notomusica: domenica sulla scalinata della Cattedrale di Noto

Notomusica 2021 ospita la grande cantante israeliana Noa, artista di caratura mondiale, impegnata in un appassionato omaggio al jazz, a conferma delle straordinarie doti della raffinatissima vocalist di origini yemenite

In esclusiva per la Sicilia, Notomusica 2021 ospita la grande cantante israeliana Noa, artista di caratura mondiale, impegnata in un appassionato omaggio al jazz, a conferma delle straordinarie doti della raffinatissima vocalist di origini yemenite, che abbina al magistero musicale il coraggioso impegno civile. Il concerto che vede insieme Noa & Gil Dor-special guest Ruslan Sirota, è in programmazione il primo agosto, sulla Scalinata della monumentale Cattedrale barocca, patrimonio dell’Umanità.

Noa torna insieme al suo storico chitarrista Gil Dor e affiancata dal percussionista Ruslan Sirota, ripercorrendo dal vivo il nuovo album “Afterallogy”, dedicato ai più celebri standard del jazz, da “Anything Goes” a “Calling Home”, da “My Masquerade” a “My funny Valentine”.

Il lavoro descrive emozionalmente il profondo sodalizio trentennale tra i due artisti. C’è una sorta di tendenza polifonica e un modo di condurre una storia che se Noa possiede nella voce Gil trasmette con le corde della sua chitarra, creando un bilanciamento assoluto in un duo che sembra suonare come una vera e propria formazione orchestrale.

“Afterallogy – spiega Noa – è un nome  inventato da Gil. È la risposta del perché stiamo facendo quello che stiamo facendo… dopo tutto, ‘after all’. È una specie di titolo influenzato dal coronavirus, da questo isolamento che ci ha riuniti in una stanza, io e lui, dopo così tante vicende artistiche passate insieme, per ripartire da capo con un album registrato a casa mia, dal momento che era vietato uscire. Questo ci ha permesso di fermarci a focalizzare e capire quello che veramente entrambi amavamo musicalmente; ci ha permesso di selezionare dei brani a cui eravamo particolarmente affezionati ed arrangiarli spontaneamente e senza fretta. ‘After all that’s been said and done’, ovvero dopo tutto ciò che è stato detto e che abbiamo dato, questo adesso è quanto amiamo ed abbiamo da offrire. Abbiamo sentito provenire dalle nostre viscere una forte emozione musicale: qualcosa che ha smosso allo stesso tempo e nello stesso modo il cuore e la mente.”

Un work in progress che ha portato ad esiti inediti: “Quello che ci colpisce  – sottolinea Noa  – può essere un testo, una melodia o la storia che c’è dietro ad una canzone, ma l’importante è che lo faccia: e gli autori che abbiamo omaggiato attraverso questa selezione, come Cole Porter o Rogers & Hammerstein o Leonard Bernstein, ci hanno sicuramente trasmesso questa magia. La domanda non era ‘Perché ho bisogno di questo brano?’ ma ‘Perché questo brano ha bisogno di me?’ e la risposta era ‘probabilmente perché io posso raccontare la storia che si cela in esso’ . Abbiamo perciò cercato di riportare certi standard alla loro essenza originaria, senza l’aura di entertainment che li avvolgeva con arrangiamenti orchestrali o da ballroom. Riportarli alla loro nudità integrale significava per noi metterne in risalto la storia e possiamo totalmente asserire che il progetto che abbiamo concepito è totalmente centrato sulla liricità dei testi, qualcosa che si è perso nel modo moderno di interpretare il jazz, calpestando forse proprio il nucleo del brano nel suo atto compositivo a favore di una ribalta delle proprie capacità vocali improvvisative sulla melodia musicale”.

Tutto questo avveniva lungo il tunnel del lockdown: “a proposito della Musica ai tempi del Coronavirus, – conclude Noa –  penso che il suo avvento ci abbia colpito in tutti i sensi stravolgendo le vite dei musicisti quanto quelle di una società glamour, così come le nostre aspettative e i nostri pensieri, che ci appaiono strani e incerti perché non sappiamo più cosa aspettarci. Quello su cui possiamo concentrarci è solo l’amore: credo infatti che, in qualsiasi momento e situazione, sia l’amore la giusta strada da percorrere, specialmente adesso che non sappiamo più chi siamo. Si trova sempre una soluzione attraverso l’amore, le buone azioni, la realizzazione di quello che si vuole portare a termine, proprio come abbiamo fatto noi con questo album, che bolliva dentro da un po’ di tempo e voleva esplodere. Siamo entrambi molto soddisfatti del risultato perché volevamo lasciare un segno di bellezza in questo periodo buio per tutti i musicisti e confidiamo di esserci riusciti”.

Sono previste promozioni con sconti fino al 50% per gli acquisti entro sabato 31 luglio. Informazioni  al botteghino dell’associazione Concerti Città di Noto in Via Cavour – Palazzo Nicolaci, tel 0931 966466, associazioneconcerti@tin.it

Il Festival Internazionale Notomusica è promosso e sostenuto dal Mic-Ministero della Cultura, dall’Assessorato Regionale al Turismo e dal Comune di Noto. Info biglietteria: Associazione Concerti Città di Noto – Palazzo Nicolaci, via Cavour n.53, associazioneconcerti@tin.it (tel. +39 0931 966466). Prevendite presso: Info Point Città di Noto – Corso Vittorio Emanuele n.135 e Ortigia Viaggi – Viale Tica n.144, Siracusa; Circuito Box Office Sicilia – Via Leopardi n.95, Catania. Biglietti on-line su: www.notomusicafestival.com, Crea Webtic – www.webtic.it, Circuito Box Office Sicilia www.ctbox.itwww.boxol.it.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo