In tendenza

Nuovo ospedale di Siracusa, il commissario “conferma” il concorso di idee

Con un secondo decreto il Prefetto - Commissario ha anche provveduto a nominare la Commissione giudicatrice del concorso di idee

La notizia c’è, e forse è doppia. La prima è che sul nuovo ospedale di Siracusa dopo la nomina del commissario (il Prefetto Giusi Scaduto) qualcosa inizia a muoversi. La seconda è che il Prefetto (o il Commissario) ha deciso di ripartire da dove aveva lasciato l’Asp. Vale a dire dal concorso di idee.

Ma andiamo con ordine. Nelle scorse settimane, dopo mesi di annunci e ritardi da parte del governo regionale e nazionale, il Prefetto di Siracusa ha ricevuto formalmente l’incarico di commissario per la costruzione del nuovo nosocomio aretuseo. E ieri il massimo esponente del ministero degli Interni ha messo nero su bianco la strada da tracciare per la costruzione del tanto agognato Dea di II livello che potrà avere fino a un massimo di 420 posti letto.

Con decreti n.1 del 23.11.2020 e n.2 del 30.11.2020 – si legge nel documento firmato ieri dalla Scaduto – questo Commissario ha confermato l’ingegner Santo Michele Pettignano quale Rup dell’intervento, nonché di proseguire la procedura di gara ad oggetto “Concorso di idee per l’acquisizione di una proposta ideativa per la costruzione del nuovo ospedale di Siracusa”, indetta dall’Asp di Siracusa con delibere del direttore generale n. 902 del 16.12.2019 e n. 49 del 23.01.2020 e pubblicata sulla Guce in data 29.01.2020, id. 45310-2020.”

Il 2 novembre scorso, inoltre, è stata stipulata con l’assessore della Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza una convenzione avente ad oggetto “Supporto tecnico all’Ufficio del Commissario Straordinario per la progettazione e la realizzazione del nuovo complesso ospedaliero della città di Siracusa”, in cui si prevede che l’Asp di Siracusa metta a disposizione del Commissario: un adeguato gruppo di lavoro di supporto, facendo ricorso a risorse umane interne dell’Azienda, l’Ufficio del Rup ed ogni altro dipendente o ufficio che si rendesse via via necessario.

Nella stessa convenzione è stato anche concordato che l’Asp di Siracusa rendesse disponibili al Commissario gli atti inerenti al “Concorso di idee per l’acquisizione di proposte ideative relative alla costruzione del nuovo ospedale di Siracusa”, avviato dall’Azienda il 16 dicembre dello scorso anno, nonché ogni altro presupposto e connesso.

Ma non finisce qui, perchè con il secondo decreto il Prefetto – Commissario ha anche provveduto a nominare la Commissione giudicatrice del concorso di idee. Commissione giudicatrice che valuterà le 15 idee progettuali pervenute all’Asp di Siracusa e che inizierà i lavori il prossimo 11 dicembre. Ne sono componenti effettivi: l’avvocato Giuseppe Massimo dell’Aira, esperto con laurea giuridica, con Funzioni di Presidente; l’ ingegner Fabio Fazio, esperto in materia di edilizia ospedaliera; l’Architetto Maurizio Guglielmino, esperto in materia di edilizia ospedaliera; l’ ingegnere Santi Muscarà, esperto con laurea tecnica e la Dottoressa Marina Rosa Marino, esperto in ambito urbanistico. La copertura finanziaria per i costi di natura tecnica, da sostenere per avviare la fase attuativa dell’intervento, continuerà ad essere assicurata dalla Regione Siciliana

Il nuovo nosocomio è nel programma del governo Musumeci, che ha commissionato e fatto eseguire uno studio per individuare l’area più idonea ad ospitare l’importante opera. Il finanziamento è pari a 200 milioni di euro, fondi riservati alla Sicilia dall’art. 20 sull’edilizia sanitaria. La sua realizzazione, stando all’emendamento presentato dalla parlamentare nazionale, Stefania Prestigiacomo – che richiama quanto fatto per il ponte Morandi a Genova – dovrebbe svilupparsi in 24 mesi.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo