In tendenza

Oggi la Festa della mamma. Forum delle associazioni Familiari: “le donne rinviano sempre più in avanti la maternità”

"Ha ragione Save The Children: servono investimenti consistenti, dal sostegno al reddito, alle politiche fiscali, all’offerta di un’infrastruttura di servizi, alla qualità del sistema scolastico, alle misure di conciliazione"

La Festa della mamma di oggi è l’occasione per riflettere sulla situazione delle donne nel nostro paese e nella nostra zona in particolare. Save The Children ha definito “equilibriste” le donne che, a prezzo di sacrifici spesso indicibili, riescono nell’impresa di mettere al mondo e crescere dei figli. 

“Mamme in ogni momento della giornata sotto stress – dice Salvo Sorbello, presidente provinciale del Forum delle associazioni Familiari – che, soprattutto in Comuni come quelli della nostra provincia che non possono certamente essere definiti amici delle mamme, dove i servizi alla prima infanzia come gli asili nido sono assolutamente carenti o troppo costosi, devono ricorrere all’aiuto di nonni, di vicine e di baby-sitter più o meno improvvisate per poter riuscire a conciliare il loro essere madri con il ruolo di lavoratrici.

Scontiamo purtroppo anche a Siracusa e provincia un ritardo incredibile e colpevole nel campo delle politiche familiari e il risultato è che le donne rinviano sempre più in avanti la maternità (l’età media del parto è 32,4 anni) e di conseguenza si riducono anche le possibilità di mettere al mondo altri figli dopo il primo. Il numero medio  di figli per donna è infatti di 1,25, mentre per soltanto per mantenere stabile la popolazione attuale dovrebbe essere di 2. E così sono sempre più le donne che si trovano costrette a dover rinunciare all’attività lavorativa (quasi il 50%), mentre molte altre ricorrono per necessità e non per libera scelta al part-time. Se si considera poi che purtroppo spesso le retribuzioni dei lavoratori maschi sono superiori rispetto a quelle delle donne, tutto ciò non può che produrre conseguenze molto pesanti sulle future pensioni, che sono basate sui contributi versati.

Ha ragione Save The Children – conclude Sorbello – servono investimenti consistenti, dal sostegno al reddito, alle politiche fiscali, all’offerta di un’infrastruttura di servizi, alla qualità del sistema scolastico, alle misure di conciliazione, tutto influisce sul benessere del nucleo familiare e anche sul tasso di fertilità che sta segnando picchi drammatici ormai in Italia”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo