In tendenza

Oltrepassare le barriere e rappresentare la disabilità nella moda: la sfilata di “Unici” a Siracusa

"Tutti piangevano di felicità", ha detto Fortunata Randisi, presidente dell'associazione

È stata una serata all’insegna della moda, ma ancora di più dell’inclusione e della condivisione quella che si è svolta nelle scorse ore a Siracusa per dimostrare che la parola moda può e deve fare rima anche con disabilità.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione “Unici”, si è svolta al Jolly hotel e ha portato in passerella modelli/e professioniste e non, normodotate che affiancano modelli/e non professionisti con diverse disabilità.

“Tutti piangevano di felicità”, ha detto Fortunata Randisi, presidente dell’associazione.

Anche se non sono mancate le difficoltà. “Non tutti i commercianti hanno voluto sostenerci”, spiega Tiziana Randisi, la vicepresidente.

Ma quello che conta è il momento di gioia vissuto quella sera, perchè come dice Bebe Vio “Sorrido, perché la vita, ragazzi, è proprio una figata.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni