Operazione “Muddica” a Melilli: Anac archivia il procedimento contro le ditte appaltatrici del trasporto scolastico

Dopo l’annullamento delle misure cautelari del Tribunale di Catania verso i provvedimenti interdittivi applicati ai titolari delle società di trasporto, sulla vicenda si è espressa anche l’Autorità Nazionale Anticorruzione

L’Anac ha archiviato il procedimento avviato contro le società che avevano eseguito l’appalto dei trasporti scolastici a Melilli in quanto non ci sarebbero irregolarità negli appalti.

Per cui dopo l’annullamento delle misure cautelari del Tribunale di Catania verso i provvedimenti interdittivi applicati ai titolari delle società di trasporto “Vecchio”, “Biondi” e “Zuccalà”, da parte del Gip del tribunale di Siracusa, Carmen Scapellato, su richiesta del Pm Tommaso Pagano della Procura della Repubblica del Tribunale di Siracusa, sulla vicenda si è espressa anche l’Autorità Nazionale Anticorruzione archiviando il procedimento avviato a seguito dell’operazione “Muddica” condotta dal commissariato di Polizia di Priolo Gargallo.

Il Tribunale di Catania aveva già spiegato che nessuna turbativa negli appalti vi era stata, nessun raggiro della legge, nessun accordo collusivo, nessuna prestazione difforme, nessuna frode nei pubblici servizi e alcun mezzo non in regola con le disposizioni di legge relative alla circolazione stradale.

Specificatamente emerge, leggendo il provvedimento del Riesame, che tutti gli affidamenti del Comune di Melilli in materia di trasporto scolastico sono stati legittimi e corretti, sono state applicate correttamente tutte le norme per garantire la trasparenza nei propri servizi.

Inesistenti sono state anche le ipotizzate interferenze politiche da parte degli amministratori locali.

Anche per l’Autorità Anticorruzione cade il troncone principale dell’operazione condotta dal Pm Tommaso Pagano e coordinata dall’ex procuratore capo facente funzione Fabio Scavone.

La tesi del Tribunale di Siracusa infatti era stata già smentita dal Tribunale della Libertà di Catania che aveva disposto l’immediata riabilitazione dei titolari delle ditte coinvolte nell’operazione.

A questo punto resta solamente il danno economico e di immagine patito da tutti i titolari delle ditte, i quali procederanno per le vie legali per il risarcimento dei danni ingiustamente patiti dall’indagine.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo