In tendenza

Operazione Seatbelt, 212 veicoli controllati: decurtati 554 punti

Quattro patenti sono state ritirate

European Roads Policing Network – ha programmato nel periodo dal 6 al 12 marzo 2023 l’effettuazione della Campagna Europea congiunta denominata “Seatbelt”.

Roadpol è una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, alla quale aderiscono tutti i Paesi Membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre alla Svizzera, la Serbia, la Turchia ed in qualità di osservatore la Polizia dell’Emirato di Dubai (Emirati Arabi Uniti). L’Italia è rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del ministero dell’Interno.

L’organizzazione sviluppa una cooperazione operativa tra le Polizie Stradali europee, con l’obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali in adesione al Piano d’Azione Europeo 2021-2030. Tale attività si sviluppa attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutto il Continente, all’interno di specifiche aree strategiche.

L’obiettivo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo Roadpol.

La finalità della campagna “Seatbelt” è di operare un’intensificazione dei controlli, effettuati dalle Polizie Stradali di tutta Europa, dei veicoli a motore per verificare il rispetto del corretto utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta da parte dei conducenti e occupanti dei veicoli a motore, con particolare riguardo ai seggiolini per bambini.

Quest’azione combinata a livello europeo ha, infatti, la finalità di sviluppare la coscienza e la consapevolezza da parte di tutti i conducenti e utenti della strada che nello stesso momento tutte le forze di Polizia Stradale dell’Unione Europea stanno operando con le medesime modalità, strumenti omogenei e un obiettivo comune: l’incolumità dei cittadini.

A tal fine la Polizia Stradale di Siracusa ha predisposto, nel corso dell’intera settimana, sulla tratta autostradale A/01 Siracusa-Catania e A/18 Siracusa-Ispica mirati servizi volti a contrastare il fenomeno del mancato utilizzo delle cinture di sicurezza.

Il resoconto. Sono stati complessivamente controllati 212 veicoli, 115 dei quali sono stati sanzionati. Sono state contestate 119 infrazioni al codice della strada, 116 delle quali per mancato uso delle cinture di sicurezza sui sedili anteriori e posteriori; 6 le carte di circolazioni ritirate, 4 le patenti ritirate e 554 i punti patente decurtati; 69 le pattuglie impiegate che, nel periodo in indicato, sono state anche impegnate per altre attività istituzionali quali i rilievi di 3 incidenti stradali dei quali 1 con lesioni (5 persone ferite) ed, infine, durante l’arco temporale in esame sono stati prestati 13 soccorsi ad utenti rimasti in panne con i loro veicoli.

Con l’intensificazione del traffico veicolare dovuto anche all’approssimarsi della stagione primaverile sulle principali arterie di questa provincia, si rinnova l’invito di intraprendere il viaggio con un veicolo efficiente e completo nelle dotazioni di sicurezza, in condizioni psicofisiche ottimali e ben informati sulle condizioni delle strade, del traffico e del meteo. Attenzione alla concentrazione alla guida e alla prudenza, nonché, alla tutela di sé e dei passeggeri con l’utilizzo dei sistemi di ritenuta e del casco.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni