fbpx

Otto nuovi agenti per la Polizia municipale di Siracusa

Il “sì” arriva dalla Giunta che lo scorso 27 luglio ha approvato l’utilizzazione di una vecchia graduatoria, datata 2013 ma ancora effettiva

Otto nuovi agenti per la Polizia municipale di Siracusa. Il “sì” arriva dalla Giunta che lo scorso 27 luglio ha approvato l’utilizzazione di una vecchia graduatoria, datata 2013 ma ancora effettiva (fino a settembre 2020) grazie al decreto legge 101 dello scorso anno. Così facendo l’amministrazione comunale prova a rimpinguare uno degli uffici, quello della Municipale per l’appunto, che soffre il maggior numero di carenze in organico.

In base all’ultimo piano del fabbisogno, infatti, la Municipale a oggi ha attive 111 unità a dispetto delle 152 necessarie e previste in pianta organica. Una carenza effettiva di 42 agenti sul territorio cui oggi si prova a dare risposta. Seppur in minima parte. Degli 8 agenti, 5 dovrebbero prendere servizio a breve in quanto hanno accettato prima dell’emergenza sanitaria da Covid.

Una situazione che ha consentito a Palazzo Vermexio di completare tutte le procedure, comprese le visite mediche e l’idoneità all’uso e al porto d’armi e il 5 agosto per la prima volta dovrebbero indossare la divisa del Corpo della Municipale. Per gli altri 3 posti disponibili si sta procedendo con lo scorrimento della vecchia graduatoria e non stanno mancando i dinieghi, vista “l’anzianità” del concorso e dato che in molti in quest’arco temporale hanno già trovato altre occupazioni. Tutti i nuovi agenti saranno inquadrati nella categoria C e con posizione economica C1.

“È il primo passo dell’ente di mettere mano alla pianta organica del Comune – afferma l’assessore al Personale, Alessandra Furnari -. Come si evince dal piano del fabbisogno sono oltre 300 le figure mancanti e oggi, seppur con queste prime 8 unità vogliamo iniziare una piccola inversione di tendenza. L’augurio è che, anche in virtù delle misure straordinarie prese dal Governo per l’emergenza Covid, si possano avere norme ma soprattutto fondi per dar vita a un’altra serie di concorsi che riuscirebbero finalmente a rimpinguare un organico come quello comunale ridotto sempre più all’osso da normative che nel tempo hanno congelato i concorsi ma favorito i pensionamenti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo