In tendenza

Pachino, la tonnara di Marzamemi ospita “Tonnarte”: collettiva d’arte con cinema, teatro, danza e fotografia

L'evento verrà ospitato nei locali della Tonnara di Marzamemi che al suo interno vedrà l'esposizione di oltre una trentina di artisti siciliani

Teatro, cinema, danza e fotografia. Questo e non solo è Tonnarte, l’iniziativa a cura de La Malafabbrica che si svolgerà dal 22 al 30 dicembre all’interno della Tonnara di Marzamemi.

Sono oltre una trentina gli artisti siciliani che beneficeranno degli spazi allestiti all’interno dell’edificio storico presente nel borgo marinaro, riempiendolo di opere, dipinti, sculture e installazioni che hanno come obiettivo quello di raccontare il mondo e la vita contemporanea attraverso i suoi molteplici linguaggi.

Il gruppo culturale “La Malafabbrica” nasce nel 2014 dall’unione di alcuni giovani artisti che lavorano tra Pachino e Marzamemi: Chiara Fronterrè (presidente del gruppo), Candida Luciano, Jessica Luciano, Andrea Parisio, Corrado Trincali cui ultimamente si è unito anche lo street photografer Salvuccio Cappello. “Il gruppo culturale – spiega la presidente Chiara Fronterrè – è nato dalla necessità di raccontare la fragilità e la resilienza dell’arte contemporanea in un territorio complicato”.

La terza edizione della collettiva d’arte prevede un programma ricco che si svilupperà in otto giorni e che animeranno l’iniziativa. Si parte con l’opening musicale del 22 dicembre con Fred Casadei al contrabbasso e Giuseppe Gulino al sax. Il giorno successivo alle 18 sarà il turno di Francesco Dimartino (cineasta) e Sabina Pangallo (regista teatrale) che daranno vita all’appuntamento “Chiacchierando di cinema e dintorni”.

Il giorno di Natale alle 18 sarà il turno di “Bambini che magia il Natale!” a cura di Tres’h Jolies con uno spettacolo di circo e arti di strada. Sofia Bordieri con “40% assedio e 60% Acqua” sarà la protagonista dell’appuntamento in calendario per Santo Stefano, mentre “Teatro in Tonnara” a cura dell’associazione teatrale “Teatro giovane Pachino” e la presentazione del libro fotografico “Morte in Sicilia” di Armando Rotoletti, con la prefazione di Dacia Marani e Ignazio Buttitta con Barbara Fronterrè e Armando Rotoletti, rispettivamente il 28 e il 30 dicembre, chiuderanno la kermesse.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo