In tendenza

Palazzolo Calcio Juniores: Cinque Reti Inflitte Al Vittoria

Continua senza sosta l’escalation della Bonarrivo band, altra vittoria, altro campo espugnato per opera della Juniores del Palazzolo che riesce ad avere la meglio stavolta sul Vittoria rifilando un bel cinque a zero.

E come sempre, è toccato al bomber Christian Scariolo rincarare la dose, con una bella doppietta, mentre prima ancora è il promettente Fusca a mettere il primo sigillo gialloverde.

A chiudere il festival dei gol sarà nella ripresa Fontana con due marcature.

Mister Bonarrivo aveva già avvisato in settimana il turn over: “Contro il Vittoria verrà data l’opportunità a chi non ha giocato di poter esordire”.

E così è stato. Ma a qualcuno il “cambio” non è andato giù, probabilmente, qualche scatto di nervosismo in più e la severità dell’arbitro nisseno hanno causato l’ammonizione aspettata per certi versi.

E così mister Bonarrivo è costretto a optare per la sostituzione “preventiva” di Scariolo. Al suo posto, esordisce Roberto Miraglia, anche lui col pallino del gol. Il cambio avviene sul 2 a 0.

Negli spogliatoi l’allenatore esorta i suoi ragazzi a compiere la terza impresa. E così fa entrare in campo Mondello al ’18 al posto di Carpinteri, al 20′ al posto di Valvo va Maltese.

Andiamo ai gol: il primo tempo come già detto si chiude sul 2 a 0, primo gol di Scariolo servito su cross di Carpinteri, la seconda rete su punizione calciato da Fusca su incrocio.

Dopo l’intervallo, il tre a zero quasi subito a inizio del secondo tempo, punizione di Velasco, colpo di testa di Scariolo.

Gli ultimi due gol portano la firma di Fontana, intorno al 30′ al 40′ . I due gol di Fontana sono arrivati quando il Vittoria faceva fuori gioco altissimo.

Molte occasioni, in una di queste su lancio di Velasco si è involato Fontana, a tu per tu con il portiere, lo ha superato dopo una prima ribattuta dell’estremo difensore ha ripreso la palla e ha insaccato senza problemi.

Il quinto gol sempre di Fontana è arrivato quando loro erano già in nove. i ragazzi erano ormai in corsa, non potevano più fermarsi e Fontana ha realizzato l’ennesima rete.

Cinque reti. Il risultato finale cosa suggerisce? Un Palazzolo superdominante? O un Vittoria al di sotto delle proprie potenzialità?

Il giudizio è di Bonarrivo: “Devo ammettere che la squadra avversaria si è presentata in campo abbastanza nervosa. Non è un caso se hanno chiuso la partita in nove e che l’aribtro abbia fischiato ben due espulsioni per loro”.

Piedi per terra per questa Juniores che vince e convince sempre più. Ma visto come sta andando, perche non sognare? Dove volete arrivare?

“Prima d tutto arrivare al gruppo. Secondo me ancora non siamo riusciti a creare un bel gruppo. Il fatto vero è che gli elementi sono molti, qualcuno è anche scontento di avere poco spazio. Dal canto mio, sto cercando di accontentare tutti. Da qui a dicembre conto di fare esordire tutti, oggi è toccato a Miraglia, Maltese e al portiere La Marca. A dicembre se qualcuno avrà bisogno di cambiare aria, o volere più spazio o fare qualche altra esperienza, vedremo un po’ cosa fare. Però, ripeto, prima di tutto voglio creare un gruppo, anche se siamo 22 o 23 più i tre, quattro della prima squadra, Scariolo, Conti, Miraglia, Gatto. La rosa conta di un numero di elementi abbastanza nutrito, dunque è evidente che qualcuno meno utilizzato rimanga scontento. Voglio fare in modo di fare stare bene anche chi è stato meno utilizzato e non è facile. Introducendo La Marca, Maltese, Miraglia, e la volta prima Truocchio e Raiti sto facendo comprendere a tutti che per ognuno di loro ci sarà il giusto momento. La Marca si è ben comportato, si è mostrato sempre sicuro e all’altezza del compito. Anche se poco impegnato. Del resto, conosco La Marca da tempo e so quali sono le sue qualità. L’ho portato io a Palazzolo, due anni fa era negli Allievi. Giampiero Nassi è rimasto in panchina, ha capito che era giusto dare spazio a Peppe. Ha avuto la maturità di capire il momento”.

Che dire del Vittoria?

“Una squadra molto grintosa ma mentalmente poco in partita. Tendevano facilmente a mollare alla prima difficoltà. Un fuori gioco non gli riusciva e si fermavano. A mio avviso, la squadra avrebbe potuto fare anche più gol. La squadra del Vittoria era un po’ nervosetta, anche l’arbitro se ne è accorto e ha dovuto espellere due giocatori”.

E a fine gara il presidente Rosario Scrofani si è mpstrato naturalmente e visibilmente raggiante per il superlativo rendimento dei suoi cari ragazzi.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo