In tendenza

Pallamano, l’Aretusa batte lo Scicli e conquista la vetta della classifica

Adesso gli aretusei con 6 punti si trovano in testa alla classifica insieme ad Aetna e Girgenti ma, grazie alla classifica avulsa degli scontri diretti, occupano la prima piazza

Netta vittoria, per 42 a 25, quella riportata dalla Pallamano Aretusa, ai danni dello Scicli, nella 4° giornata del campionato di serie B; vittoria che vale il primo posto in classifica grazie alla concomitante sconfitta del Girgenti contro l’Aetna Mascalucia.

Adesso gli aretusei con 6 punti si trovano in testa alla classifica insieme ad Aetna e Girgenti ma, grazie alla classifica avulsa degli scontri diretti, occupano la prima piazza. Tornando alla partita, solo nei primi minuti c’è stata partita vera, poi i ragazzi di Giuffrida hanno spinto sull’acceleratore e, grazie ad un’ottima difesa e  veloci contropiedi, hanno scavato un solco che si è fatto sempre più ampio.

Ampia rotazione, minutaggio per tutti, verifica dei meccanismi difensivi e d’attacco in una partita in cui l’esperto mister ha sempre chiesto ai propri ragazzi di assolvere un compito specifico. Tutta la squadra ha girato a buoni livelli di gioco e ritmi alti, con Faraci, Santoro e un ritrovato Prestia a farla da mattatori in attacco e difesa, ma tutti hanno dato il loro valido contributo e trovato le via della rete.

Nel secondo tempo schierata per intero la formazione under 17 che ha saputo tenere bene il campo continuando ad aumentare il divario e dando conferma dell’ottimo lavoro in atto. A fine partita il Ds Settembre ha parole di elogio per il giovane Simone Faraci che, nonostante la giovane età. appena 16 anni, si sta imponendo come uno dei principali atleti del campionato sia in fase realizzativa che difensiva.

Simone – dice Settembre – è un esempio di serietà e volontà. Un ragazzo che lavora sodo durante tutta la settimana e che sta giocando con un continuità a ottimi livelli, sicuramente un punto di forza per le nostre formazioni di serie B e under 17

Settimana di pausa quella che attende i giovani siracusani prima di rituffarsi in campionato per il derby interno contro l’Avola.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo