fbpx

Pallanuoto, buona la prima per l’Ortigia che riparte vincendo contro il Posillipo

Basterà pareggiare con il Salerno per staccare il pass per la fase successiva

L’Ortigia riparte così come aveva interrotto: vincendo. Ed è una vittoria importante che lancia i biancoverdi, ora a un passo dalla qualificazione al secondo turno. Basterà pareggiare con il Salerno per staccare il pass per la fase successiva. L’avversario non era semplice e per quasi metà gara ha retto contro un’Ortigia che è partita un po’ bloccata e con un po’ di ruggine addosso. Il primo parziale, infatti, si chiude con i napoletani avanti per 3-1 e un’Ortigia che non gioca bene e spreca troppo, affidandosi al solito Tempesti, che non smette di caricare i suoi. Nel secondo tempo, però, i biancoverdi, che perdono Abela, colpito da un pugno, iniziano a nuotare e a macinare gioco: Vidovic e un Giacoppo in grande serata pareggiano, ed è sempre il capitano, poco dopo, a tenere la scia quando i partenopei si riportano avanti con Di Martire. Nel finale di tempo, dopo il nuovo vantaggio di Mattiello, uno spietato uno-due di VIdovic e Gallo concretizza il sorpasso. Il Posillipo non molla e pareggia sempre con Mattiello, ma ci pensano Napolitano (con una potente beduina), Giacoppo (con una palombella da applausi) e Mirarchi (siluro da metà vasca) a mettere il match in cassaforte. Nell’ultimo tempo il ritmo cala e la partita si conclude sul 10-7 finale. Ora sotto con il Salerno, per centrare questo primo traguardo.

Questo il commento del tecnico dell’Ortigia, Stefano Piccardo, nel post partita: “Siamo partiti male, molto contratti, abbiamo giocato male davanti e dietro. Siamo stati troppo disordinati, prendendo anche delle conclusioni stupide dall’esterno. Poi però devo dire che la squadra ha cominciato a giocare. Nel terzo tempo, infatti, siamo andati via dalla partita e tutto è andato bene. È chiaro che ancora dobbiamo registrarci tutti, si vede che non giochiamo da sei mesi. Sapevamo che non sarebbe stato facile, anche perché il Posillipo è una signora squadra. La cosa che mi spiace di più stasera è il pugno che ha preso Abela, che probabilmente dovrà mettere dei punti”.

Un’Ortigia che, nei momenti difficili del match, si è affidata ai suoi uomini di massima esperienza e anche ai nuovi, che hanno fatto un buon esordio: “Giacoppo ha giocato bene – continua Piccardo – ma devo dire che tutta la squadra, dopo il primo parziale, ha giocato una buona pallanuoto, anche i nuovi hanno fatto una buona partita, il loro approccio mi è piaciuto molto. Però conosco i miei giocatori, so cosa possono darmi. Ancora siamo lontani dal nostro meglio. Ad ogni modo è anche il primo incontro, quindi va bene. C’è ancora da lavorare”.

Per l’allenatore biancoverde, tornare in clima partita dopo sei mesi ha avuto un impatto emotivo forte: “È stato molto bello, emozionante, a me personalmente è sembrato quasi un esordio. Torniamo finalmente a fare quello che amiamo. Per chi come noi ha la fortuna di fare il lavoro che piace, tornare a lavorare è una sensazione molto bella e piacevole”.

C.C. ORTIGIA – C.N. POSILLIPO  10-7 (1-3, 5-2, 3-1, 1-1)

C.C. Ortigia: Tempesti, Cassia , Abela, Rocchi 1, Di Luciano, Ferrero, Giacoppo (Cap) 3, Gallo 2,  Mirarchi 1, Rossi , Vidovic 2, Napolitano 1, Piccionetti. Allenatore: Stefano Piccardo

C.N. Posillipo:  Lamoglia, Iodice 1, M. Di Martire 1, Picca, Mattiello 2, Telese, Parrella 1, Lanfranco, Somma, Bertoli 2, Baraldi, Saccoia (Cap), Spinelli. Allenatore: Roberto Brancaccio
Arbitri: Stefano Alfi (Napoli) e Antonio Guarracino (Napoli)

Superiorità numeriche: ORT 2/12 + 1 rig; POS 4/13 .
Espulsioni definitive: Rocchi (O) e Rossi (O) per raggiunto limite di falli.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo