Pallanuoto, i rumeni dell’Oradea tra l’Ortigia e la finale di Euro Cup

Delle tre formazioni che l'Ortigia poteva pescare dall'urna, sicuramente l'Oradea è quella meno insidiosa, ma non per questo semplice da battere

il tecnico Piccardo, foto di Maria Angela Cinardo

La Len ha sorteggiato gli accoppiamenti delle due semifinali di Euro Cup, in programma tra fine febbraio e inizio marzo. L’Ortigia pesca i rumeni dell’Oradea, che ai quarti hanno battuto gli spagnoli del Matarò. Nell’altra semifinale, il Brescia affronterà gli ungheresi dell’Eger. Delle tre formazioni che l’Ortigia poteva pescare dall’urna, sicuramente l’Oradea è quella meno insidiosa, ma non per questo semplice da battere. Ci sarà tempo per studiarla e prepararla, adesso c’è da pensare al tour de force in campionato, fino alla sosta lunga che inizierà l’8 dicembre. Per quanto riguarda le date di Euro Cup, la semifinale di andata si disputerà in Romania il 22 febbraio, mentre il ritorno si giocherà in Sicilia il 4 marzo.

Ecco le prime reazioni in casa Ortigia. A parlare è il tecnico Stefano Piccardo: “Sicuramente – afferma Piccardo – delle tre che potevamo incontrare questa è la squadra più alla nostra portata. Sarà una battaglia su 8 tempi e dovremo cercare alla fine di raggiungere questo sogno che è la finale. Loro hanno delle buone individualità, due ottimi esterni, Georgescu e Inaba, e il portiere della nazionale serba, inoltre il loro campo è molto caldo, quindi ci sarà da lavorare. Sono comunque arrivati in semifinale come noi e non si arriva mai per caso nelle prime quattro. Ma ne parliamo fra tre mesi”.

Adesso c’è da pensare al campionato, dove c’è un primato da difendere e un altro ciclo di partite, la prima delle quali è la trasferta insidiosa a Trieste (sabato 16 novembre alle ore 19.15): “Siamo contenti del sorteggio – conclude l’allenatore biancoverde – ma adesso abbiamo nuovamente una sfilza di partite in campionato, a partire da sabato, sulle quali bisogna assolutamente concentrarsi. Quindi bene, ma è talmente in là questo impegno di coppa che avremo tempo di parlarne e di prepararlo al meglio. Adesso dobbiamo solo continuare a lavorare e pensare alla prossima gara”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo