Pallanuoto, le strade di Simone Rossi e l’Ortigia si separano: “sono stati quattro anni meravigliosi”

Rossi lascia i biancoverdi per trasferirsi in Ungheria, dove nella prossima stagione giocherà con l’OSC Budapest e, al contempo, si avvicinerà al papà Marco, allenatore della nazionale di calcio ungherese, per iniziare a collaborare con lui

Foto Cinardo
Contenuto Promozionale

Il Circolo Canottieri Ortigia 1928 comunica ufficialmente che Simone Rossi lascia l’Ortigia per trasferirsi in Ungheria, dove nella prossima stagione giocherà con l’OSC Budapest e, al contempo, si avvicinerà al papà Marco, allenatore della nazionale di calcio ungherese, per iniziare a collaborare con lui.

Una scelta di vita che va rispettata e accettata, anche se con il dispiacere di dover salutare, non solo un grande giocatore, ma soprattutto un ragazzo di immenso spessore umano, protagonista di quattro anni intensi. Quattro stagioni durante le quali ha contribuito, con le sue prestazioni di altissimo livello, a portare l’Ortigia in alto, raggiungendo tra le altre cose una finale di Euro Cup, una finale di Coppa Italia e il terzo posto in Serie A1. In questi anni, Simone è diventato uno dei beniamini del pubblico e uno dei veterani di questo storico gruppo.

Sono stati quattro anni meravigliosi – afferma Simone Rossi – che, da un lato sono volati, dall’altro sono sembrati una vita. Qui ho creato rapporti importanti che mi porterò per sempre nel cuore. Ho stretto amicizie che spero durino in eterno, ho comprato casa, quindi posso dire che, sotto certi aspetti, mi sento un cittadino siracusano. C’è tanta tristezza, perché quando si sta bene in un posto è inevitabile che ci siano questi sentimenti forti. Gli ultimi due mesi forse non me li sono goduti abbastanza, perché pensavo troppo al futuro, ma purtroppo la vita è fatta di scelte e bisogna prendere decisioni per il proprio futuro che spesso sono difficili“.

Voglio ringraziare innanzitutto la famiglia Marotta – continua Simone – per avermi accolto e trattato come un figlio. In particolare la presidente Roberta Marotta, che è una persona fantastica, di una generosità infinita. Per me è stata una sorella e un’amica per quattro anni. A lei va un grazie speciale. Poi, ringrazio nuovamente i miei compagni di squadra, per quello che abbiamo passato insieme in questi anni. Mi mancherà tantissimo ogni cosa vissuta ogni giorno con loro, perché siamo stati un bel gruppo, capace di gestire i momenti in cui si poteva scherzare e quelli in cui era necessario alzare la concentrazione e il livello“.

Infine un ringraziamento a coach Piccardo: “Ringrazio tantissimo il mister, perché con lui c’è stato sempre un rapporto vero e diretto e devo ringraziarlo perché con lui sono cresciuto tantissimo“.

Quando sono arrivato qui – conclude Rossi – avevo fatto una promessa che non sono riuscito a mantenere, ossia vincere l’Euro Cup. Non ci siamo riusciti ed è il mio più grande rimpianto, però ci abbiamo provato sempre, fino alla fine”.

Il Circolo Canottieri Ortigia ringrazia con grande affetto Simone per tutto quello che ha fatto in questi quattro anni, per la professionalità, l’educazione, l’attaccamento ai colori. A Simone auguriamo il meglio per il suo futuro professionale e personale e a lui riserviamo un posto speciale nella storia e nel cuore di questo club.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni