fbpx

Pallanuoto, nuovo esame di Coppa per l’Ortigia: domani doppia sfida contro Roma e Savona

Biancoverdi inseriti nel girone con la Pro Recco. Fondamentale quindi partire bene contro i capitolini per poi giocarsi l'accesso al prossimo turno contro i padroni di casa del Savona

Cresce l’attesa in casa Ortigia per il secondo turno di Coppa Italia, che si disputerà da domani a sabato a Savona. I biancoverdi sono inseriti in un girone molto duro, con la corazzata Recco, i forti padroni di casa del Savona e i giallorossi della Roma. Alla Final Four di gennaio andranno le prime due classificate e, in tal senso, particolarmente importante sarà la giornata di domani, con l’Ortigia che sfiderà (ore 10) la Roma e poi, nel tardo pomeriggio (ore 19.30), il Savona.

Molto probabilmente, quella di domani sera con i liguri di mister Angelini sarà una vera e propria finale, considerato che il primato del girone sarà dell’irraggiungibile Recco (che l’Ortigia affronterà sabato alle ore 11.30). La squadra ha caricato molto sul piano fisico e lavorato ad alcune soluzioni tattiche, ma determinante sarà correggere l’approccio alla gara, visto che, come accaduto spesso nella passata stagione e anche la settimana scorsa contro Posillipo, all’Ortigia capita di regalare il primo parziale agli avversari. La squadra, però, appare concentrata e consapevole di dover lottare al massimo per portare a casa la qualificazione.

Il mancino biancoverde Valentino Gallo riconosce il valore degli avversari ma mostra grande fiducia nei suoi: “È un girone sicuramente difficile, perché la Roma Nuoto, che dovrebbe essere in teoria la squadra meno attrezzata, è comunque un’ottima formazione. Il Savona si è rinforzato e non ha bisogno di presentazioni, mentre il Recco è sempre la supercorazzata che vince da quindici anni ininterrottamente. Dovremo affrontare questo impegno con la massima concentrazione. Il livello si è alzato rispetto al girone di Napoli, però anche il nostro livello di condizione, sia sul piano fisico che su quello tattico, si è alzato molto. Siamo pronti a giocarcela con tutti.

L’approccio alla gara è l’argomento ritenuto decisivo come non mai per tornare a casa con un risultato positivo: “Già l’anno scorso, la maggior parte delle partite abbiamo avuto questo problema all’inizio, perché partiamo come un diesel, iniziamo con un parziale sfavorevole e poi ribaltiamo la partita. Questo ci dicono le statistiche del campionato scorso. Quest’anno, con i due nuovi innesti, abbiamo acquisito qualità ed esperienza, e quindi speriamo di non avere più questi cali di concentrazione iniziali . Se riusciremo a lavorare su questo deficit mentale e ad avere un approccio adeguato alla gara, sicuramente sarà tutto diverso, sia per quel che riguarda il cammino in Coppa Italia, sia nelle altre competizioni nelle quali saremo impegnati quest’anno“.

Anche per Filippo Ferrero, giovane talento dell’Ortigia, l’inizio sarà fondamentale: “Non dobbiamo più sbagliare le partenze. Dobbiamo scendere in acqua con la mente più dentro la partita, magari un po’ meno contratti, ma anche un po’ meno rilassati, perché a volte ci capita di peccare in un senso e nell’altro. C’è bisogno di equilibrio per essere pronti da subito e non prendere un parziale negativo che, con una squadra che si è rafforzata tantissimo come il Savona, potrebbe essere decisivo“.

Per Ferrero le due partite di domani saranno due battaglie: “Dovremo giocarci il tutto per tutto il primo giorno, ovviamente, perché poi il Recco sulla carta ha un vantaggio eclatante. Sappiamo benissimo che vincendo le prime due avremmo la qualificazione e l’ultimo giorno potremmo giocare con la mente sgombra.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo