Pallanuoto, tra un omaggio a Lo Bello e l’appello alla presenza del pubblico l’Ortigia si presenta alla città

Un Ortigia dal vestito nuovo, anzi dal vestito di gala con la conferma di Piccardo in panchina, quello di Giacoppo, Napolitano, Caruso e i tanti ragazzi da sempre in bianco verde e quei rinforzi, Gallo e Tempesti su tutti, che sono la ciliegina sulla torta

A pochi giorni dall’esordio stagionale i Euro cup l’Ortigia si presenta ai tifosi. Tanti, una “famiglia” come l’ha chiamata il presidente Valerio Vancheri che oggi ha risposto presente e che tutta la società, dirigenti e giocatori, chiamano alla grande partecipazione fin da venerdì, quando i biancoverdi affronteranno il Montpellier in un vero e proprio esordio spareggio per il passaggio del turno. Un Ortigia dal vestito nuovo, anzi dal vestito di gala con la conferma di Piccardo in panchina, quello di Giacoppo, Napolitano, Caruso e i tanti ragazzi da sempre in bianco verde e quei rinforzi, Gallo e Tempesti su tutti, che sono la ciliegina sulla torta.

Ad aprire le danze è stato il presidente del sodalizio aretuseo, Valerio Vancheri, che ha voluto ribadire il lavoro svolto negli ultimi sei anni dalla società sia dal punto di vista agonistico, sia nell’ultimo anno, nella riqualificazione della Cittadella. E proprio per questo si è scelta la data del 9 settembre per la presentazione della squadra. “Una data non casuale – dice il presidente -. Siamo in un luogo che trasuda storia e senso di gratitudine perché 28 anni fa veniva a mancare Concetto Lo Bello. Senza di lui oggi non saremmo qui e non saremmo nessuno.” Sguardo poi rivolto alla nuova stagione, ormai alle porte. “La nuova stagione è come il nuovo anno scolastico. Ci presentiamo con i buoni risultati dello scorso anno e un impianto riqualificato, col tensostatico rinnovato e rigenerato per le società e per i sirscusani. Abbiamo come obiettivo quello di tenere in vita ogni impianto della Cittadella“.

Chiusura sulle aspettative stagionali. “Sulla base dei risultati degli ultimi due anni  – conclude il presidente – c’è entusiasmo e ci sono elementi nuovi che potranno regalarci nuove soddisfazioni. Da campioni affermati a giovani che hanno già dimostrato il proprio valore. Ci presentiamo al nuovo anno con la responsabilità di doverci divertire. Abbiamo aspettative anche per il pubblico perché vogliamo tribune piene ed entusiasmo.”

Poi è stato il turno dei giocatori, presentati uno per uno al pubblico. Tanti i volti conosciuti, così come tanti sono i volti nuovi di questa Ortigia che si presenta ai nastri di partenza con l’ambizione di eguagliare (quanto meno) il percorso europeo fatto lo scorso anno (semifinale) e soprattutto di entrare tra le prime quattro del campionato. Un obiettivo non semplice, sia per in vasto numero di contendenti, sia perchè la nuova stagione sarà contraddistinta da una lunga pausa.

La prima delle 26 giornate di campionato si disputerà il 5 ottobre. La chiusura della stagione regolare sarà invece il 23 maggio. Sosta subito dopo la prima giornata, con le squadre che rientreranno in vasca il 19 ottobre (eccetto quelle impegnate nelle Coppe Europee, che anticiperanno la giornata al 16 ottobre). La sosta più importante sarà però quella di gennaio: dal 12 al 26, infatti, la Nazionale di Pallanuoto (che peraltro ha già staccato il pass per l’Olimpiade di Tokyo) sarà impegnata nell’Europeo di Budapest.

Un calendario particolare che richiederà una preparazione particolare. Ma gli umori in casa biancoverde sono comunque alti, anzi altissimi. Capitan Giacoppo si dichiara “emozionato e teso per l’inizio di stagione.” Così come il centroboa Christian Napolitano che per la stagione alle porte “mi aspetto un gran campionato“. Il più emozionato di tutti è forse Valentino Gallo che dopo 15 anni riabbraccia la calottina dell’Ortigia e che venerdì farà il suo secondo “esordio”. “Sono contento di essere qui – ha detto – sono tornato bambino e ringrazio la società che ha fatto sacrifici per farmi tornare. Tengo a fare bella figura e sono felice come se fosse il mio primo giorno di pallanuoto della mia vita. ”

Ultimo a essere presentato il numero 1 dell’Ortigia, quello Stefano Tempesti, vera e propria leggenda della pallanuoto che ha scelto Siracusa per la sua ultima sfida, quella di centrare la sesta olimpiade con la nazionale. “La presentazione di un mese fa mi ha colpito per l’entusiasmo del pubblico – ha detto il portiere biancoverde -. Qui è bellissimo, ringrazio la società che ha creduto in me. Sto ritrovando entusiasmo e mi confronto con ragazzi che lavorano in modo professionale eccezionale. Stefano (Piccardo) sa come gestire il gruppo e io spero di dare il mio contributo con la mia esperienza. Rinnovo l’appello di tutti: venite in piscina perché con voi  saremo quasi imbattibili e potremo divertirci molto”.

Tante emozioni e tanti sorrisi, ma subito dopo la presentazione tutti in acqua a nuotare e sudare perchè venerdì contro il Montpellier sarà già una sfida da dentro o fuori.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo