Arriva “WhatsApp SiracusaNews”: per le segnalazioni dei lettori, basta un messaggio

In tendenza

Parco nazionale degli Iblei. Altro stop dai sindaci: “al momento non ci sono le condizioni”

Tutto rinviato a una serie di incontri tecnici tra i comuni ed il Libero consorzio, necessari per verificare la documentazione cartografica nel dettaglio e gli studi preliminari, all’esito dei quali i comuni si esprimeranno e si determineranno

Ieri mattina si è tenuto un incontro, richiesto dal presidente dell’Unione dei Comuni Valle degli Iblei Alessandro Caiazzo, e programmato dal Commissario Domenico Percolla. All’Ordine del giorno la proposta di perimetrazione e zonizzazione del Parco Nazionale degli Iblei e la richiesta di conferma dell’Arta.

I sindaci dei Comuni di Buccheri, Ferla, Sortino, Carlentini, Rosolini, Noto e Lentini (questi ultimi per delega), hanno rappresentato le loro perplessità rispetto all’iter procedimentale che, al momento, risulta carente di alcuni passaggi fondamentali. Inoltre i sindaci hanno chiesto la sospensione dell’iter istitutivo in quanto né i comuni, né le associazioni di categoria, né i cittadini stessi, sarebbero stati messi nelle condizioni di verificare la nuova proposta di perimetrazione e zonizzazione oltre che avere contezza effettiva dei rilievi tecnici preliminari alla perimetrazione stessa.

“Risulta essenziale – dichiara il presidente dell’Unione dei Comuni Alessandro Caiazzo – avere il quadro ben chiaro e concertare in maniera concreta con il territorio ciò che potrebbe aver un impatto determinante per il futuro delle ex province di Siracusa, Ragusa e Catania. Inoltre risulta fondamentale capire come lo studio tecnico, commissionato a suo tempo dall’Unione dei Comuni Valle degli Iblei, abbia inciso nella nuova proposta di perimetrazione e zonizzazione. Non possiamo accettare alcuna fuga in avanti ne tantomeno nessuna decisione che venga “calata dall’alto”, sopratutto in un periodo, anche post pandemico, in cui i problemi emersi sono particolarmente seri e quelli emergenti potrebbero esserlo ancora di più. Nessuno di noi ha preconcetti verso l’istituzione del parco nazionale degli Iblei che, se ben strutturato, potrebbe certamente avere delle ricadute positive per i nostri territori; ma al momento non ci sono le condizioni e chiunque spera di accelerare l’iter istitutivo in difetto di una corretta istruttoria o in assenza di un perimetro procedimentale ben definito e lineare, non farebbe altro che un danno al territorio stesso”.

Tutto rinviato pertanto ad una serie di incontri tecnici tra i comuni ed il Libero consorzio, necessari per verificare la documentazione cartografica nel dettaglio e gli studi preliminari, all’esito dei quali i comuni si esprimeranno e si determineranno, ma non senza aver prima condiviso il percorso con le associazioni di categoria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo