In tendenza

Premio Vittorini: consegnati i riconoscimenti del contest “Siracusa-Alessandria: Italia a fumetti”

Con la premiazione di Alessandria è sceso così il sipario anche sul contest di fumetti

A una settimana di distanza dalla cerimonia di consegna al Teatro Comunale del Premio ad Antonella Lattanzi per “Questo giorno che incombe” (HarperCollins), il Premio Letterario Nazionale Elio Vittorini continua a essere protagonista.

Nel segno del ponte culturale con Alessandria, rafforzato con la presenza di una folta delegazione (anche istituzionale) della città piemontese a Siracusa in occasione della nuova intensa tre giorni di appuntamenti all’Antico Mercato di Ortigia, ieri pomeriggio nella città piemontese nel corso del salone del fumetto “Alecomics”, si è svolta la premiazione dei tre vincitori – uno per sezione – del contest “Siracusa & Alessandria: l’Italia a fumetti”. I riconoscimenti sono andati a Laura Furgione, in arte Layla F. Gore, 24 anni, di Alessandria (“Vittorini, Ortigia e inchiostro”) per il tema “Siracusa e i fumetti”; Rafaella Gesuele, 25 anni, di Milano (“Imagine and draw our future”) per il tema “Alessandria e i fumetti”; Alessandro Amoruso, 30 anni, di Bari (“In salita”) per il tema “Un fumetto per la ripartenza”.

I nomi dei tre vincitori erano stati annunciati la scorsa settimana a Siracusa nel corso della cerimonia finale del Premio Vittorini.

Con la premiazione di Alessandria è sceso così il sipario anche sul contest di fumetti, una delle manifestazioni che hanno impreziosito la XX edizione del Premio Letterario Nazionale Elio Vittorini che è stata contraddistinta da grandi numeri, a cominciare dai 59 autori in concorso e dalle oltre 40 case editrici che hanno scommesso sul rinato premio che, in soli due anni dalla ripartenza, ha letteralmente bruciato le tappe consolidando il proprio ruolo nel pianeta-libro italiano.

Libro, in tutte le sue diverse declinazioni, che è tornato a stare al centro della scena, con i tre autori finalisti protagonisti – alla vigilia della cerimonia finale – di una lunga intervista pubblica all’Antico Mercato di Ortigia nel corso della quale sono stati a confronto con altrettante componenti della Commissione di valutazione. Un modo meno convenzionale per consentire ai lettori, e agli spettatori più in generale, di entrare all’interno delle dinamiche dei singoli racconti, di scoprirne dalla viva voce degli autori aspetti meno evidenti.

Aver acceso i riflettori con convinzione sul libro e sugli autori finalisti è stato possibile farlo grazie al coinvolgimento di altri protagonisti della “filiera”: i librai che per la prima volta sono stati presenti nelle manifestazioni legate al Premio. Un ruolo e una presenza che crescerà ulteriormente, già a partire dalla prossima edizione, nella piena consapevolezza del ruolo che i librai svolgono nella promozione del valore della lettura.

Il Premio Letterario Nazionale Elio Vittorini e il Premio per l’Editoria Indipendente Arnaldo Lombardi sono stati organizzati e promossi dall’Associazione culturale Vittorini-Quasimodo con il Comune di Siracusa – Assessorato alla cultura, la Confcommercio Siracusa, la Camera di Commercio del Sud-Est, la Fondazione Inda e la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Siracusa e, da quest’anno, in virtù del progetto “Siracusa-Alessandria, l’Italia a fumetti”, anche in partenariato con la Confcommercio Alessandria, la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, Alexala e Alecomics.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo