In tendenza

Priolo, bonus cancelleria: contributi a sostegno delle spese scolastiche e universitarie

Saranno concessi alle famiglie residenti a Priolo che non superano il minimo vitale

Benefici economici saranno erogati alle famiglie residenti nel territorio comunale, con figli che frequentano le scuole dell’infanzia, primaria, medie, superiori e università, per l’acquisto del materiale scolastico e di cancelleria.

“Questa iniziativa – afferma l’assessore alle Politiche Sociali, Diego Giarratana – ha una doppia valenza. Da un lato sosteniamo le famiglie che vivono un disagio economico, aggravato dal protrarsi dello stato di emergenza da Covid, garantendo a tutti i bimbi il diritto allo studio. Dall’altro lato aiutiamo i nostri commercianti, visto che il bonus potrà essere speso soltanto nelle attività del nostro paese. I soldi erogati dal Comune resteranno dunque a Priolo”.

L’avviso e il modulo per avanzare domanda di accesso al contributo sono pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Priolo Gargallo.

“In questo momento, a causa della grave crisi – sottolinea il presidente del Consiglio, Alessandro Biamonte – molti genitori vivono il dramma di come affrontare le spese per sostenere i propri figli. Per dare una mano di aiuto, in fase di bilancio ho proposto e inserito le somme per l’acquisto di materiale di cancelleria. Per un genitore non poter acquistare il materiale che serve ai bambini è molto doloroso e mortificante. Oltre a sostenere le famiglie diamo una mano alle nostre cartolibrerie. Considerata la grave crisi economica e occupazionale – continua Biamonte – ritengo che il contributo vada garantito a tutti, indipendentemente dal minimo vitale; purtroppo in questa prima fase non è stato possibile ma stiamo lavorando per cercare di realizzare un nuovo regolamento, in modo tale da poter aiutare anche coloro che superano il minimo vitale”.

I contributi potranno essere spesi esclusivamente negli esercizi commerciali di Priolo Gargallo, per l’anno scolastico 2021/2022, esclusi i libri di testo.
Potranno presentare istanza i nuclei familiari che non superano il minimo vitale.

“Tutti i bimbi – commenta il sindaco Pippo Gianni – hanno diritto allo studio. L’obiettivo dell’iniziativa è di garantire pari opportunità di accesso all’istruzione scolastica, riducendo in maniera importante i costi per le famiglie. Abbiamo inoltre deciso di far spendere il bonus cancelleria solo nelle attività commerciali che insistono nel nostro comune, per sostenere l’economia locale”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo