fbpx

Prosegue la sanificazione delle strade a Siracusa, l’assessore Buccheri: “rispettate le direttive Ispra”

Quello utilizzato, concordato con l'Asp, è un prodotto a base di sali quaternari d’ammonio e, così come prescritto dall'Ispra, non si fa uso di ipoclorito di sodio

L’amministrazione comunale sta continuando a sanificare le strade cittadine attraverso la Tekra, la società che gestisce il servizio di igiene urbana, rispettando le indicazioni tecniche impartite dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), alle quali è tenuta ad attenersi in maniera scrupolosa.

Ne dà comunicazione l’assessore all’Igiene urbana, Andrea Buccheri, che ringrazia quanti in questi giorni hanno fatto pervenire informalmente offerte di collaborazione a titolo gratuito. “C’è voglia di impegnarsi per dare una mano di aiuto – aggiunge l’assessore Buccheri – ma la Tekra ci fornisce tutte le garanzie in quanto è dotata delle qualificazioni di legge e si avvale di operai  specializzati forniti dei titoli necessari, cosa che ci consente di ottenere dalla Regione il rimborso delle spese sostenute per il disinfettante, che altrimenti graverebbero sul bilancio comunale”.

Quello utilizzato, concordato con l’Asp, è un prodotto a base di sali quaternari d’ammonio e, così come prescritto dall’Ispra, non si fa uso di ipoclorito di sodio per i danni gravi che possono essere arrecati all’ambiente e alla salute umana.

La sanificazione della strade e delle pavimentazioni esterne – dice ancora l’assessore Buccheri – è una misura preventiva che adottiamo anche per rispondere a un’esigenza di sicurezza della gente. Giova tuttavia rilevare che sull’effettiva utilità di tali operazioni si sono già pronunciati autorevoli e qualificati enti quali i ministeri della Salute e quello dell’Ambiente e l’Istituto superiore di sanità poiché non esiste alcuna evidenza scientifica che le superfici calpestabili siano implicate nella trasmissione del Covid-19”.

Conclude l’assessore Buccheri: “Le offerte a titolo gratuito ricevute vanno comunque evidenziate e ci danno la misura della generosità dei siracusani e della loro disponibilità a impegnarsi in favore della collettività per superare al più presto questo momento”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo