In tendenza

Provincia Siracusa: Il Precariato Sta Per Finire

A gennaio prossimo l’assemblea regionale siciliana discuterà una legge finalizzata al superamento del precariato negli enti locali siciliani.
Un proposta di legge ideata ed articolata dal presidente della Provincia di Siracusa On.le Nicola Bono che sul progetto si è confrontato con tutta la deputazione regionale locale ottenendo un consenso di massima bipartisan. Oltre ai nostri parlamentari regionali la proposta sarà sottoscritta da altri 12 parlamentari dei vari gruppi e delle altre province siciliane.

Stamani, presente anche il deputato regionale On.le Vincenzo Vinciullo, il presidente Bono ha illustrato i contenuti della proposta di legge al personale contrattista e precario della Provincia di Siracusa, in occasione del tradizionale appuntamento per gli auguri di Natale.

Queste le linee guida della proposta di legge. È prevista l’istituzione di un Ruolo regionale dei precari ad esaurimento. In altre parole, una lista a cui dovranno prioritariamente attingere tutti gli enti locali nel caso di fabbisogno di personale, previa prova di selezione.
L’elemento qualificante e principale della proposta di legge è la trasformazione del rapporto di lavoro di tutti coloro che oggi hanno un contratto a tempo determinato in contratto a tempo indeterminato. Una prioritaria garanzia, quindi, per tutti.
Il meccanismo non prevede alcun onere finanziario aggiuntivo alla Regione che, varata la legge, si prende solo l’impegno dell’adeguamento Istat delle retribuzioni che ogni lavoratore porterà in dote con se. Il meccanismo dell’obbligo degli enti di attingere al Ruolo regionale sarà ad esaurimento, cioè fino all’immissione in ruolo di tutti i precari che comunque ne non saranno più tali poiché, come detto, il rapporto viene per legge subito trasformato a tempo indeterminato.

Soddisfazione di Bono per la presentazione della proposta che, ha detto “mi consente di onorare un impegno che avevo preso con il personale precario della Provincia fin dal primo momento. La proposta soddisfa l’equilibrio fra le difficoltà di finanza della Regione e il riconoscimento di un sacrosanto diritto”.

Altra notizia data da Bono ai dipendenti precari è che il loro nuovo contratto di lavoro con la Provincia non sarà prorogato per un anno ma per tre anni. Cosa che sarà deliberata da giunta provinciale prevista per il prossimo 27 dicembre.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo