In tendenza

Rifiuti: ancora problemi per Siracusa e provincia. Amenta: “Comuni in ginocchio, intervenga la Regione” |Discarica a regime ridotto, rallentamenti nella raccolta dei rifiuti

In questi giorni i Comuni sono alle prese con l’impossibilità di poter conferire i rifiuti indifferenziati in Sicilia, come comunicato dalla società Sicula Trasporti nel cui impianto dovrebbero conferire la quasi totalità degli enti locali della Sicilia orientale

Un’ulteriore tegola a ciel sereno, quella dei rifiuti, l’ennesima, si abbatte sui Comuni siciliani già piegati dalla crisi prodotta dalla lunga emergenza pandemica, dalla crisi finanziaria e da quella legata ai maggiori costi energetici.

Quella che sembrava una “ripartenza” per i Comuni e le comunità siciliane, di fatto, si sta trasformando in un’ulteriore crisi sistemica a cui si aggiunge, in questi giorni, l’impossibilità di poter conferire i rifiuti indifferenziati in Sicilia, come comunicato dalla società Sicula Trasporti nel cui impianto dovrebbero conferire la quasi totalità dei Comuni della Sicilia orientale, delle province di Catania, Siracusa e Messina.

Impianto però già saturo, tant’è che per un periodo si era reso disponibile l’impianto della Società Impianti SRR CL4, oggi chiuso a nuovi conferimenti, e quello della Catanzaro Costruzioni in Calabria per 2000 tonnellate settimanali, con la conseguente lievitazione dei costi, passati dai 107,74 euro a tonnellata per l’impianto della Sicula Trasporti, ai 160 euro a tonnellata per il conferimento in altre discariche regionali, ai 240 euro a tonnellata per il conferimento del 25% dei rifiuti in discariche al di fuori della Sicilia, fino alle oltre 370 euro a tonnellata richiesti oggi per poter conferire i rifiuti in discariche extra regionali da reperire nel territorio nazionale.

Una situazione non più sostenibile dai Comuni – dichiara il Vice Presidente di Anci Sicilia, Paolo Amenta – che mette in discussione il sistema organizzativo regionale che dovrebbe garantire il conferimento del 35% dei rifiuti in discarica e del 65% differenziato. La situazione attuale di fatto è più che allarmante per i Comuni siciliani, se consideriamo che siamo alle porte dell’estate, con il conseguente aumento della popolazione residente nei nostri centri, e non abbiamo ancora superato le problematiche legate alla pandemia, alla crisi finanziaria e dei maggiori costi energetici. Con la comunicazione ufficiale fatta nei giorni scorsi dalla Sicula Trasporti ai Comuni della Sicilia orientale e alle tre Prefettura di Catania, Siracusa e Messina, si registra così l’impossibilità a conferire nell’impianto della SRR CL4 mentre in quello della Catanzaro Costruzioni si possono trasferire appena 2000 tonnellate settimanali”.

Tutto questo per il vice presidente Amenta, significa – come conferma la stessa Sicula Trasporti – che è necessario un’ulteriore riduzione di conferimenti di 400 tonnellate al giorno, passando da 8400 a circa 6000 tonnellate, per un conferimento medio giornaliero di 800 tonnellate, regolamentato dall’ordine progressivo di arrivo dei camion sino al raggiungimento della quantità stabilita.

Gli altri Comuni, pertanto – prosegue -, stando così le cose, si ritroveranno i rifiuti per strada, salvo non vengano individuate discariche fuori dalla Sicilia, lungo il territorio nazionale, dove il gestore può portare i rifiuti dei nostri Comuni, con i costi più che triplicati che ci ha indicato. Dramma nel dramma, perché i Comuni, già in ginocchio e con i Piani finanziari messi insieme al centesimo, non sanno dove reperire i soldi per coprire questi ulteriori costi che di certo non si possono far pagare ai cittadini triplicando le tariffe della Tari. Qualcuno, dalla Regione allo Stato, deve assumersi la responsabilità di dirci come fare, non possono stare in silenzio su un problema vecchio come quello dei rifiuti su cui in questi ultimi cinque anni il governo regionale, che ne ha competenza, è stato assente. Ci chiediamo chi modificherà i Piani finanziari dei Comuni, chi li autorizzerà a pagare cifre non previste nei Piani? Facile poi denunciare i Sindaci e gettarli in pasto ai Tribunali. E allora – conclude Amenta – si prenda atto immediatamente della situazione e si attivi urgentemente un tavolo di confronto e di decisione per dare risposte. L’estate è alle porte con il conseguente aumento della popolazione residente nei nostri centri e i rifiuti di certo non potranno restare sulle strade aggravando il già fragile quadro emergenziale delle nostre città”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo