Sono 1.110 i nuovi positivi al Covid in Sicilia, 162 in provincia di Siracusa

In tendenza

Rosolini, Pef 2020 validato dal collegio dei revisori dei Conti

Con la presa d’atto della validazione del Pef la Giunta compie un importante passo in avanti nella definizione delle tariffe Tari

La Giunta Comunale di Rosolini con deliberazione 166 del 22 dicembre 2020 ha preso atto della validazione data al Pef 2020 redatto dal Servizio delle Entrate e dal Servizio Ecologia, dal collegio dei revisori dei conti.

Con la presa d’atto della validazione del Pef la Giunta compie un importante passo in avanti nella definizione delle tariffe Tari e mette dunque in condizione il Consiglio Comunale di procedere all’approvazione del Piano Economico Finanziario per il servizio Tari anno 2020.

Questo è il primo Piano Economico e Finanziario predisposto da questa Amministrazione, e consentirà di stabilire le tariffe Tari per l’anno 2020 in coerenza con il metodo Arera, rendendo in questo modo trasparente l’intero sistema che consente di calcolare gli importi da attribuire alle diverse categorie di utenza.

Considerato, tuttavia, che il ruolo Tari 2020 è stato elaborato e recapitato ai cittadini contribuenti prima dell’approvazione del suddetto Pef le risultanze saranno applicate sulle tariffe Tari nel prossimo triennio 2021-2022-2023, così come prevede la Del. Arera 443/2019.

Dal 2021 sarà possibile finanziare con il bilancio comunale un pacchetto di riduzioni che alleggeriranno il peso della Tari sui rosolinesi per 488.775,25. pari a una riduzione del costo complessivo del servizio di circa il 17%.

L’assessore alle Entrate Cristina Chindemi ha spiegato che “Nell’attuale bilancio di previsione, che recepisce l’ultima stima di entrata approvata dalla precedente amministrazione con il loro Pef 2018, il gettito Tari atteso è di 2.887.898 euro; con un lavoro che ha visto impegnati sin dal nostro insediamento l’amministrazione ed i dirigenti comunali, Vindigni e Morana per il settore tributi e Speranza per il settore ecologia, è stato possibile rivedere queste stime ed arrivare ad un Pef 2020 che porterà ad una stima di Tari 2020 di 2.399.122,75 euro producendo quindi una prima riduzione senza incidere sui servizi aziendali di smaltimento e raccolta”.

Grazie poi alle politiche di bilancio, quest’anno più che mai tese ad agevolare le aziende maggiormente colpite dall’emergenza epidemiologica anche dal punto di vista economico, rimaniamo in attesa che la Regioni Sicilia ci dia l’attestazione definitiva del fondo perequativo di 887.727,50 euro di cui beneficeranno le imprese del territorio tramite ulteriori sgravi sui tributi. Questi fondi rientrano nel più grande Fondo Perequativo da 300 milioni, voluto dal Governo Siciliano e approvato dall’Assemblea Regionale Siciliana con la legge di stabilità regionale n. 9 a seguito di un’intesa in Conferenza Regione – Autonomie Locali. Il fondo consentirà ai comuni siciliani di compensare le minori entrate determinate dalla riduzione dei tributi locali e dei canoni che gravano sugli operatori economici del territorio in favore delle utenze non domestiche colpite dalle misure restrittive necessarie a fronteggiare la diffusione del covid-19.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo