In tendenza

Ross Pelligra, il nuovo proprietario del Calcio Catania torna nella sua Solarino: presto per lui la cittadinanza onoraria

L’imprenditore italo australiano – che parla solo siciliano strettissimo – è tornato nella città che ha dato i natali al nonno Rosario, di cui porta il nome, e al padre

Sono emozionato di essere qui oggi, Solarino rappresenta le radici della mia famiglia e i valori su cui abbiamo fondato la nostra azienda. La persona che sono è merito di Solarino”. Così un emozionato Ross Pelligra ha salutato la città che stamani lo ha accolto al Palazzo Municipale. L’imprenditore italo australiano – che parla solo siciliano strettissimo – è tornato nella città che ha dato i natali al nonno Rosario, di cui porta il nome, e al padre, prima di emigrare, insieme con il fratello Franco, in Australia dove ha costruito quel Pelligra Group che segna la ripartenza del Catania calcio.

Mio nonno e mio zio Francesco sono stati fortunati, sono andati in Australia, hanno lavorato sodo e hanno costruito un impero, diventando una leggenda per la famiglia Pelligra – ha affermato –. I giovani devono poter andare a studiare lontano da casa, nelle grandi città, devono cogliere le occasioni ma portando dentro di sé le proprie radici”. Dopo la tappa etnea di ieri, in cui Ross ha incontrato vertici dell’amministrazione comunale per definire l’acquisto della squadra di calcio rossoblù, oggi la visita a Solarino, di cui riceverà la cittadinanza onoraria nelle prossime settimane. Un breve giro turistico fra i luoghi storici della cittadina e un passaggio da quella che fu la casa del nonno e del padre. Poi la festa in Comune, dove lo attendeva una sala consiliare gremita di parenti e “compaesani”.

Sono sindaco da 10 giorni e ho fatto già molte cose per la mia città non dico che questa sia la più importante, ma di certo è la più bella” ha detto il primo cittadino Peppe Germano che ha donato a Pelligra l’albero genealogico della sua famiglia e alcuni volumi su Solarino. “La cosa che più mi ha colpito di Rosario quando ho parlato con lui ieri – ha raccontato – è stato il grande attaccamento alle radici, alla figura del nonno. Oggi è uno dei più grandi imprenditori d’Australia e per noi è motivo d’orgoglio sapere che in lui scorre sangue sanpalisi”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo