fbpx

Senza Sosta Continuano Gli Sbarchi Di Clandestini Sulle Coste Siracusane

Gli immigrati continuano infatti, approfittando delle perduranti ottime condizioni meteorologiche di questi giorni, a raggiungere le vicine coste della Sicilia sud-orientale. Le operazioni di soccorso vedono come sempre impegnati gli uomini ed i mezzi della Guardia Costiera.
Nella mattinata odierna giungeva segnalazione circa l’avvistamento, a circa 20 chilometri a sud ovest dall’Isola delle Correnti, di un gommone di circa 12 metri con a bordo 74 clandestini(63 uomini e 11 donne di cui due in gravidanza).

Veniva disposto immediatamente l’intervento dei mezzi della Guardia Costiera, in particolare la dipendente Motovedetta CP 832, il gommone veloce GC B50 dipendente dall’Ufficio Locale Marittimo di Portopalo di Capo Passero, nonché una motovedetta della Guardia di Finanza di Siracusa. I mezzi impiegati, giungendo in prossimità del gommone con i clandestini a bordo hanno provveduto a trasbordare i malcapitati e condurli fino alle acque sicure del porto di Portopalo.

Qui, grazie anche all’intervento a terra, da parte di personale della Guardia Costiera coadiuvato da personale medico, Forze di Polizia (Polizia e Carabinieri), Croce Rossa Italiana e Protezione civile gli sventurati, tutti di nazionalità africana, stremati dalla lunga traversata hanno ricevuto le prime cure del caso. In particolare le due donne in stato di gravidanza sono state trasferite presso l’ospedale di Noto insieme ad un uomo evidentemente provato dal lungo viaggio. Successivamente il rimanente gruppo, affidato alle Forze di Polizia è stato condotto presso il centro di prima accoglienza di Cassibile.

Da segnalare inoltre un’altra operazione di soccorso che ha visto impegnata la motovedetta CP 832, in merito ad un natante, con due persone a bordo, con il motore in avaria rimasto alla deriva in localita’ Capo Santa Panagia. Giunta in zona la motovedetta CP 832, intercettava il suddetto natante e procedeva a dare assistenza, lasciandolo in sicurezza presso il porto grande di Siracusa.
 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo