fbpx

Siciliani a Malta, conclusa l’attesa: stamattina tutti sbarcati a Pozzallo

Dopo settimane di attesa ieri il via libera con un catamarano predisposto ad hoc. Adesso per tutti è prevista la quarantena in isolamento domiciliare

Si è conclusa stamattina, con qualche ora di ritardo, la lunga attesa dei siciliani – tra cui diversi siracusani – bloccati a Malta da giorni. Sono centinaia le persone che nelle scorse settimane hanno fatto richiesta di lasciare l’isola maltese per poter tornare a casa a seguito dell’emergenza Coronavirus.

Un viaggio di rientro a bordo di un catamarano che è stato appositamente autorizzato dai ministeri competenti, dal presidente della Regione e dalle autorità locali. A far specie, però, sono le immagini che provengono proprio dal molo maltese.

Una lunga fila di persone, bagaglio in mano, in cui appare evidente come fosse complicato rispettare le distanze di sicurezza di almeno un metro e il divieto di creare assembramenti. A fare da contraltare, il fatto che tutti i passeggeri fossero muniti quantomeno di mascherine per proteggere eventuali contagi per vie aeree.

Una volta arrivati a Pozzallo, i passeggeri sono stati accolti da un importante cordone di forze dell’ordine, sottoposti a controlli e avvertiti nuovamente che – dal momento dello sbarco in poi – dovranno rispettare tutte le norme previste al momento, su tutte la quarantena domiciliare con l’obbligo di comunicare il proprio domicilio alle autorità regionali e comunali, rispettando l’obbligo di rientro con mezzi propri nelle rispettive abitazioni.

Chi ne fosse sprovvisto invece è stato accompagnato dalla Protezione Civile in un hotel di Ragusa dove dovrà necessariamente trascorrere il periodo obbligatorio di quarantena di due settimane.

(Foto di Santi Campisi)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo