Simone Maiorca il nuovo presidente di Arcigay Siracusa

Il nuovo direttivo di Arcigay Siracusa, con a capo Simone Maiorca, vede alla vice presidenza Angelo Carbone, per la sua prima volta in associazione e con un ruolo istituzionale

È Simone Maiorca il nuovo presidente di Arcigay Siracusa. Dopo sette anni di mandato Armando Caravini lascia il timone al suo ultimo vice presidente. Nuovi progetti per Arcigay Siracusa e tanto l’entusiasmo di Maiorca che dice: “ringrazio la mia squadra per aver creduto in me e nei miei progetti futuri per l’associazione, ringrazio anche Armando Caravini che in sette anni di mandato ha portato avanti non solo Arcigay Siracusa ma anche delle battaglie importanti per l’intera comunità Lgbt, un ringraziamento va anche a tutta la stampa che ci ha sempre supportato in ogni nostra iniziativa“.

Il nuovo direttivo di Arcigay Siracusa, con a capo Simone Maiorca, vede alla vice presidenza Angelo Carbone, per la sua prima volta in associazione e con un ruolo istituzionale. A seguire, nel consiglio direttivo: Nat Osman, Carmen Fiducia, Alba Bellofiore, Alessandro Augello e l’importante riconferma della dottoressa Maria Vittoria Zaccagnini e Lucia Scala anche lei figura storica legata al direttivo. A gestire l’ufficio stampa sarà ancora una volta la giornalista Alessia Zeferino.

Vogliamo restituire all’associazione una relazione vera con l’intera comunità – dice il neo presidente Maiorca – come vogliamo che sia la comunità Lgbt la vera protagonista di questo mandato e che sia il volano di un nuovo approccio culturale e psicologico a noi stessi“.

Simone Maiorca continua dicendo: “Arcigay Siracusa non può discostarsi della valenza, anche simbolica, di una città come Siracusa che negli anni ha dimostrato la capacità di apparire trasversale ed ideale e pensiamo che anche l’associazione debba sentirsi parte di questa sfida. Ecco perché – conclude Simone Maiorca – lavoreremo per fare di Arcigay Siracusa un riferimento di libertà Lgbt nel mediterraneo: inizieremo stabilendo rapporti strutturati con le associazioni Lgbt in Tunisia non dimenticando le altre importanti realtà areusee presenti nel territorio che negli anni tanto hanno fatto“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo