In tendenza

Siracusa: Aggiornamenti Nube Tossica Nella Discarica Di Contrada Cardona

“La situazione è sotto controllo – ha dichiarato Gaetano Valastro, Direttore dell’Arpa, l’agenzia regionale che si occupa di protezione ambientale, raggiunto telefonicamente da questa redazione – da sabato, quando è scoppiato l’incendio, stiamo monitorando la zone di contrada Cardona. Le fumarole alimentate dal biogas della discarica comunale, secondo l’ultimo monitoraggio dell’aria e seguendo le direttive dei venti, hanno un’emissione che non va oltre i 700 metri. Oggi ho fatto personalmente un sopralluogo della zona per verificare in prima persona la pericolosità dell’incendio ed abbiamo fatto una campionatura i cui risultati ancora non sono pronti. Ma devo dire che è tutto sotto controllo.

In ogni caso entro stasera o al massimo domani faremo un ulteriore monitoraggio dell’aria – continua il Direttore – così per essere più tranquilli che i fumi non si estendano e che la situazione resti sotto controllo. Sono in contatto stretto con la Prefettura e sono d’accordo sulla proposta dei Vigili del Fuoco che hanno richiesto al Prefetto l’utilizzo di mezzi di movimento terra – non disponibili a Siracusa – e per i quali si stanno attrezzando a farli giungere il più presto possibile. L’unico sistema è soffocare il fuoco, privarlo di ossigeno con materiale inerti.
 


Dallo scorso sabato pomeriggio è in corso una progressiva combustione all’interno della discarica di rifiuti solidi urbani sita in Contrada Cardona a Siracusa.
L’evento ha avuto origine a seguito di un incendio di sterpaglie ai margini del sito dell’IGM: la presenza di vegetazione incolta all’interno dell’area recintata ne ha favorito la propagazione.

I Vigili del Fuoco continuano da allora ad utilizzare diverse autobotti d’acqua pur consapevoli che ciò non rappresenta rimedio conclusivo all’estinzione del rogo, ma favorisce l’abbattimento dei fumi e delle emissioni di gas combusti. Pare infatti che vi siano dei biogas in autocombustione che rappresentano un pericolo non indifferente.
Pertanto, nella serata di ieri, è stata fatta sgombrare a titolo precauzionale un’intera famiglia che alloggia in un casolare nei pressi della discarica.

Il funzionario dei Vigili del Fuoco intervenuto nel pomeriggio ha già segnalato all’UTG la necessità di far intervenire mezzi di movimento terra, di cui il Comando VVF di Siracusa non dispone, per il trasporto ed il riversamento di sabbia o materiale inerte, al fine di ottenere l’estinzione dei diversi focolai per soffocamento.

Si precisa che la discarica, dislocata su una superficie di circa tre ettari e con un’altezza che raggiunge i dieci metri, è sottoposta a sequestro giudiziario da quattro anni.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo