In tendenza

Siracusa, alle stelle i prezzi di frutta e verdura fra le bancarelle del mercato di Ortigia

Questa mattina pochi, molto pochi, i clienti tra le bancarelle per acquistare generi alimentari in una strana gara al prezzo più alto

Tre euro per un chilo di pomodoro, quasi due euro per la stessa quantità di patate: è l’ortofrutta il settore maggiormente colpito dal caro prezzi che in questi giorni sta rendendo la vita difficile per i siracusani e non solo.

Questa mattina pochi, molto pochi, i clienti tra le bancarelle per acquistare generi alimentari in una strana gara al prezzo più alto. Ciascuno ha le proprie ragioni: chi deve comprare lamenta l’aumento del costo di prodotti ortofrutticoli, e chi vende vive una condizione di disagio per cui da un lato all’ingrosso prende la merce a prezzi più alti e dall’altro lato si sente limitato a vendere con notevoli aumenti che potrebbero allontanare sempre di più i cittadini dal mercato. Quest’ultimo già un po’ più deserto da tempo.

Un’unica nota positiva: scende il prezzo del pesce. “Qua nessuno compra, nemmeno il pesce – dice un pescivendolo – e quindi vendiamo a meno, cercando di vendere piuttosto che buttare la merce”.

Probabilmente a calare, ancora una volta, è il potere di acquisto per le famiglie.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo