Siracusa, anche Cafeo contro la legge antinquinamento: “non è questo il modo di legiferare”

Prosegue il coro di "no" contro la legge antinquinamento approvata due giorni fa dal Parlamento regionale siciliano che prevede il sistema Simage anche sull'isola

Prosegue il coro di “no” contro la legge antinquinamento approvata due giorni fa dal Parlamento regionale siciliano. Dopo quelli del presidente di Confindustria, Diego Bivona e del deputato nazionale di Forza Italia, Stefania Prestigiacomo, anche il deputato regionale di Italia Viva Giovanni Cafeo critica la nuova legge.

Il parlamentare parla di un’insolita alleanza all’Ars che ha prodotto la legge che istituisce il sistema “Simage” per il monitoraggio della qualità dell’aria nei poli industriali siciliani, “una legge – dice – che come spesso accade nasce con le migliori intenzioni ma rischia di ottenere risultati opposti se non disastrosi per il fragile sistema socio-economico dell’Isola”.

Per Cafeo la transizione energetica e la riconversione industriale, così come l’inquinamento ambientale, “sono temi molto seri, per i quali non è possibile legiferare con leggerezza, evitando qualsiasi confronto con gli esponenti del settore e puntando esclusivamente alla visibilità mediatica se non invece alla colpevolizzazione “tout court” dell’intero comparto industriale”.

Se l’intento era quello di creare una legge destinata al danneggiamento del settore industriale siciliano, l’obiettivo sembra dunque essere raggiunto – continua l’On. Cafeo – peraltro in perfetta linea con l’idea del Governo, puntata verso la decisione di affossare le industrie senza però offrire serie alternative di rilancio dell’Isola, inglobato in una visione miope che danneggia non soltanto le imprese attualmente operanti nel nostro territorio ma di riflesso anche i pochi e coraggiosi investitori che avevano deciso o che decideranno di puntare sulla Sicilia”.

Il deputato regionale di Italia Viva dice con fermezza che l’inquinamento non si combatte con “leggi-spot e slogan populistici”, ma con interventi strutturali e legati ad una visione d’insieme. “E in questa fase storica che vede la Sicilia ultima in tutte le graduatorie – prosegue -, da quelle economiche a quelle legate alla qualità della vita e alla fuga dei giovani, non è possibile immaginare uno sviluppo reale eliminando interi comparti produttivi. La politica dei no a priori è sempre quella che offre la migliore ribalta mediatica ma è anche quella meno coraggiosa – conclude l’On. Cafeo – perché soltanto con scelte audaci e d’indirizzo sarà possibile dare la necessaria scossa a questa terra che bellissima lo è già, ma che potrebbe anche diventare ricchissima”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo