Arriva “WhatsApp SiracusaNews”: per le segnalazioni dei lettori, basta un messaggio

In tendenza

Siracusa, appalto mense in Isab: la Filcams chiede un tavolo all’Ispettorato del lavoro

I lavoratori in questo momento sono posti unilateralmente in aspettativa non retribuita e senza nessun ammortizzatore sociale

Con una dura nota, la Filcams Cgil Siracusa, ha richiesto un tavolo di raffreddamento all’ispettorato del Lavoro per discutere e trovare una soluzione alla vertenza che si è aperta nell’appalto mense Isab con le aziende Innova spa e Grande ristorazione.

L’organizzazione sindacale guidata dal segretario provinciale Alessandro Vasquez denuncia senza mezzi termini, “un tentativo di elusione delle procedure di legge per escludere e licenziare determinati lavoratori e proseguire solo con quelli individuati ad esclusiva appannaggio aziendale e senza criteri di legge – dice Vasquez -. Grave che l’azienda uscente non abbia attivato ancora le procedure adatte al cambio di gestione ed ancora più grave il verbale di accordo proposto in bozza alle organizzazioni sindacali dove veniva messo nero su bianco un tentativo maldestro di elusione delle procedure di licenziamento previste dalla legge, il tutto celato da un fantastico dono che l’azienda subentrante è disposta a concedere ai lavoratori – argomenta sarcastico il sindacalista- una settimana di contratto a tempo determinato per poter fruire della disoccupazione”.

I lavoratori in questo momento sono posti unilateralmente in aspettativa non retribuita e senza nessun ammortizzatore sociale. “Inutile sperare in un intervento di Isab, poco gli importa cosa succede dentro i loro appalti – tuona il sindacalista -. Conosciamo le difficoltà che vive il settore della ristorazione collettiva, aggravate dall’incremento dell’uso dei ticket pasti e dall’emergenza Covid-19, ma non possiamo permettere che si fuoriesca dallo steccato delle procedure di legge e dei suoi dettami e registriamo invece sempre maggiore spregiudicatezza in questo senso e per questo pensiamo sia necessaria l’azione dell’ispettorato del Lavoro a cui abbiamo trasferito le nostre esigenze così come ai servizi ispettivi Inps.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo