In tendenza

Siracusa, bando asili nido: anche il Cga dà ragione al Comune

Dopo la sentenza del Tar di Catania, anche il Cga ha bocciato il ricorso delle cooperative che continuavano a ritenere il bando illegittimo

Nuova pagina, forse conclusiva, nella vicenda legata all’affidamento del servizio di asili nido comunali di Siracusa. Dopo la sentenza del Tar di Catania, anche il Cga ha bocciato il ricorso delle cooperative che continuavano a ritenere il bando illegittimo.

Il ricorso era stato proposto dalle società cooperative sociali “Esperia 2000”, “La Garderie” e “Siges Siracusana Gestione Servizi”, nei confronti della società cooperative sociali “OR.S.A.” e “Amanthea”, nonché “impresa sociale “Vitasì” e della società cooperativa sociale “Nasce un sorriso”.

Per il Cga è addirittura troncante il rilievo del Tribunale Amministrativo, che ha correttamente osservato come “… le ricorrenti hanno addirittura partecipato al sopralluogo, dichiarando di conoscere gli atti di gara ivi indicati e di aver preso conoscenza di tutte le circostanze che possano influire sulla formulazione dell’offerta. Ne deriva che il non aver partecipato alla gara e il non avere tempestivamente impugnato il bando non possono essere imputati alla mancata tempestiva conoscenza del bando, pena una applicazione elusiva dei termini decadenziali dell’impugnazione…”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo