In tendenza

Siracusa, Cannata e Auteri (FdI) tracciano la linea del partito: “scelte condivise, no a battitori liberi”

I due deputati senza troppi giri di parole stigmatizzano la scelta di Castagnino e Busiello (molto vicini a FdI in occasione delle recenti elezioni politiche e regionali), appoggiando la linea dettata dal commissario provinciale, Giuseppe Napoli

L’adesione di Salvatore Castagnino e Carlo Busiello al nuovo progetto politico “Officina civica” che vede in Alfredo Foti il candidato sindaco per le prossime amministrative a Siracusa, ha creato non pochi malumori all’interno di Fratelli d’Italia. Il primo a rintuzzare il colpo era stato il commissario provinciale del partito, Giuseppe Napoli, che attraverso una nota ufficiale ha annunciato la volontà del partito di essere presente alla prossima tornata elettorale con il simbolo e con un candidato che sia condiviso da tutta la coalizione del centrodestra (chiudendo quindi a un progetto civico).

Ora è il turno dei “pezzi da 90” del partito, vale a dire i due parlamentari Luca Cannata e Carlo Auteri, che senza troppi giri di parole stigmatizzano la scelta di Castagnino e Busiello (molto vicini a FdI in occasione delle recenti elezioni politiche e regionali), appoggiando la linea dettata dal commissario provinciale.

In merito alle recenti notizie giornalistiche riguardanti alcuni pezzi di FdI all’interno di una coalizione di liste civiche – dicono Cannata e Auteri -, bene ha fatto il commissario provinciale del partito, Giuseppe Napoli, a richiamare all’ordine chiunque decida di camminare da solo. Non vogliamo osservare derive personalistiche e, così come già ribadito dal coordinatore, la linea di Fratelli d’Italia è unica e non possono esistere pezzi di noi in altre liste, anche se civiche”.

Insomma, per i due deputati Castagnino e Busiello dovranno fare una scelta di campo: stare con “Officina civica” di cui sono promotori e fondatori, oppure compiere un passo indietro e sottostare alle scelte politiche che verranno partorite dal campo del centrodestra. FdI lavora infatti a una coalizione alternativa all’attuale amministrazione comunale uscente che vuole essere protagonista a Siracusa come lo è già a Roma e Palermo. “Far parte di una squadra, di un partito, per noi è importante – sottolineano Cannata e Auteri -. Non vogliamo e non possiamo essere un mero contenitore da usare all’occasione. Apprezziamo chi voglia mettersi a disposizione della città, chi voglia spendersi nella nobile arte della politica, nonostante le difficoltà e nonostante il populismo imperante di questi anni che l’ha più volte bistrattata. Ma non possono esserci battitori liberi e, chi farà scelte difformi da quanto stabilito in sede di partito, è da ritenersi escluso dal partito stesso. Si condividono le scelte in tutto e per tutto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo