In tendenza

Siracusa, Cavallaro (FdI) punta il dito contro l’Amministrazione: “In stato di abbandono la biblioteca di via Barresi”

Il presidente del Circolo Aretusa: "Manca l'aria condizionata e l'acqua in bagno"

“Stupisce che l’amministrazione comunale, che tanto si è agitata, senza successo, per fare eleggere la nostra città quale capitale della cultura italiana, tratti con grave incuria la biblioteca comunale di via Barresi, nel quartiere Mazzarona, compresi coloro che vi lavorano e gli utenti che se ne servono.”

Così Paolo Cavallaro, presidente del circolo Aretusa di Fratelli d’Italia Siracusa, il quale punta il dito contro l’attuale Amministrazione.

“La biblioteca, frequentatissima da tanti giovani, studenti ed universitari, e meno giovani, è da oltre un anno e forse più priva di aria condizionata, da quando gente senza scrupolo ha rubato i tubi del gas; da allora non sono stati più ripristinati. – dice Cavallaro – Dentro la grande sala, ricca di migliaia di libri per grandi e piccini, si raggiungono temperature insopportabili; gli utenti che vi accedono scelgono frettolosamente il libro da leggere per andare subito via. Il caldo nella sala di lettura supera ogni limite di tollerabilità e rende impossibile a chiunque attardarsi nella lettura di qualche libro. I lavoratori vi trascorrono tutte le ore di lavoro in condizioni disumane, sudando e boccheggiando”.

“A questo si aggiunge l’assenza di acqua nel bagno, dai rubinetti non esce nemmeno una goccia, eppure i lavoratori passano lì tutte le mattine estive, in mezzo al caldo torrido, sudandosi, nel vero senso della parola, il proprio stipendio, senza potersi nemmeno sciacquare la faccia. – continua –  La vicenda descritta mi porterebbe, per deformazione professionale, ad evidenziare le gravi problematiche connesse al mancato rispetto delle norme in materia di tutela dei lavoratori, su cui qui non mi soffermo. Certamente emerge la grande insensibilità della Pubblica Amministrazione, che non avverte l’urgente necessità di tutelare i lavoratori e gli utenti dei servizi comunali. Mi auguro che il sindaco Italia non sia al corrente di quanto sopra e lo invito a recarsi sul posto e a verificare personalmente, a mezzogiorno, in una giornata calda, insieme all’assessore e al dirigente competente, per risolvere immediatamente la problematica, senza indugiare ulteriormente, individuando, se del caso, eventuali responsabilità amministrative dinanzi a tale incuria.”

“Ai cittadini del quartiere Mazzarona, uno dei più belli di Siracusa, sono stati tolti gli uffici di quartiere, come anche i servizi sociali e il presidio dei vigili urbani; una periferia sempre più abbandonata al proprio destino; presto anche la biblioteca? – conclude – In assenza del consiglio comunale le sollecitazioni possono giungere all’amministrazione solo attraverso la stampa e per il sindaco è doveroso rispondere, visto che ha scelto di proseguire nel mandato senza la presenza dell’organo di controllo.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo