In tendenza

Siracusa, Cittadella dello sport: un gruppo di lavoro per pianificare la gestione in house

Nella giornata di lunedì si è tenuta a Palazzo Vermexio una riunione tecnico organizzativa per delineare le prossime mosse dell’amministrazione sulla gestione in house di quello che è senza dubbio il più importante impianto sportivo della città

Il Comune di Siracusa sembra voler affrettare i tempi per riprendersi la gestione della Cittadella dello Sport. Nella giornata di lunedì, infatti, si è tenuta a Palazzo Vermexio una riunione tecnico organizzativa per delineare le prossime mosse dell’amministrazione sulla gestione in house di quello che è senza dubbio il più importante impianto sportivo della città. E per farlo è stato istituito un gruppo di lavoro che vede a capo l’ingegnere Emanuele Fortunato, affiancato dall’architetto Andrea Simone, dal geometra Vincenzo Tripoli e dai collaboratori amministrativi Bruno Pernich, Biagio Crescenti e Concetto Abela.

Questo gruppo di lavoro, così come si evince dalla determina dirigenziale dell’ente, dovrà occuparsi delle procedure relative alla manutenzione degli impianti “la cui programmazione ed affidamenti saranno in carico al Rup, Ing. Emanuele Fortunato, ed ai tecnici dello stesso Gruppo; Altresì il Gruppo di Lavoro dovrà occuparsi dei procedimenti amministrativi di assegnazione degli spazi e dei relativi controlli, degli incassi relativi all’utilizzazione degli spazi secondo le tariffe stabilite dall’Amministrazione Comunale, ed alle procedure di gestione ordinaria dell’impianto”.

Una decisione obbligata da parte dell’ente che nasce a seguito della decadenza della convenzione stipulata con il Circolo Canottieri Ortigia. Un contenzioso tra l’amministrazione, che sostiene di vantare crediti per diverse centinaia di migliaia di euro a causa delle utenze non pagate dal gestore, e l’Ortigia, che dal canto proprio afferma che il rapporto “dare-avere” sia nettamente inferiore rispetto a quanto richiesto dal Comune in quanto avrebbe ereditato gli impianti in condizioni ben peggiori e con interventi ben più importanti rispetto a quanto prospettato dal Comune.

Per dirimere la matassa il giudice del Tribunale civile ha nominato un consulente per la quantificazione delle opere e delle migliorie realizzate all’interno della struttura. Il tecnico la scorsa settimana ha concluso le varie perizie e adesso dovrebbe stilare la relazione finale per quantificare i lavori. Intanto però il Comune si prepara a gestire la Cittadella, con un gruppo di lavoro e con l’idea di trasferire gli uffici delle politiche sportive proprio in via Paolo Caldarella. Ma a tempo determinato, perché al Vermexio sanno bene quanto possa essere oneroso in termini di costi e di tempo, gestire quegli impianti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo