In tendenza

Siracusa, crisi della zona industriale. Cutrufo: “favorire linee di credito a Isab”

Per Cutrufo "non possono essere le famiglie siracusane a pagare l’inefficienza di Musumeci e i condizionamenti leghisti del governo di Draghi"

Un’interrogazione all’assessore al Bilancio, Gaetano Armao, per comprendere la posizione delle banche in merito alle difficoltà che Isab- Lukoil sta vivendo sul nostro territorio dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e le sanzioni indirette subite dallo stabilimento di Priolo Gargallo. Anche Gaetano Cutrufo, componente della direzione regionale del Partito Democratico esce allo scoperto, chiedendo al governo regionale e a quello nazionale di attivarsi per evitare che il conflitto in Ucraina abbia una pesante ricaduta anche sul territorio aretuseo.

Il domino “sanzioni alla Russia-Lukoil-Isab-intero bacino di Priolo” era evidente – spiega Cutrufo -: solo un governo miope come quello siciliano poteva stare ad aspettare gli eventi giorno dopo giorno senza adoperarsi per una soluzione alternativa. Non dico di cedere ai ricatti di Putin, ma di progettare interventi urgenti e di intervenire anche sul governo nazionale affinché si estendano al bacino siracusano di Priolo-Melilli gli investimenti nazionali dedicati alla transizione ecologica. Non possono essere le famiglie siracusane a pagare l’inefficienza di Musumeci e i condizionamenti leghisti del governo di Draghi”.

Per l’esponente del Pd sarebbe necessario intervenire con estrema urgenza sul comparto bancario che, nonostante Isab-Lukoil non sia soggetta a sanzioni, ha bloccato alcune linee di credito. Il tutto “per favorire il credito occorrente alla Isab, affinché si possa rivolgere anche ad altri mercati e non solo a quello russo – prosegue -. È inconcepibile che in piena emergenza come in questi mesi, con una guerra ai confini, le banche non vengano coinvolte dal governo regionale e nazionale in una azione complessiva a difesa delle attività produttive”. Da qui la richiesta al gruppo parlamentare del PD di presentare una interrogazione all’Assessore al Bilancio Armao “per sapere se le banche operanti sono buone solo per fare prestiti a chi può permetterseli o hanno una funzione importante nella tenuta del territorio siracusano in un momento di crisi mondiale come questo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo