In tendenza

Siracusa, dopo l’ostello a Cassibile, al rush finale anche il protocollo provinciale sul lavoro stagionale in agricoltura

Il protocollo prevede che i firmatari si impegnino ad assicurare un’idonea sistemazione alloggiativa ai lavoratori, ad avviare una banca dati per l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, prevenendo il caporalato

Dopo l’ostello a Cassibile, al rush finale anche il “Protocollo d’intesa per la prevenzione delle attività illecite in agricoltura e degli insediamenti abitativi spontanei”. Il Prefetto di Siracusa, Giusi Scaduto, ha trasmesso ai sindaci del territorio, al Centro per l’impiego, all’Ispettorato del lavoro, all’Inps, alle associazioni datoriali e alle organizzazioni sindacali il testo del protocollo provinciale sul lavoro stagionale in agricoltura, definito a conclusione dell’intenso lavoro di coordinamento e con il contributo delle suddette parti, avviato sin dal 2019, come strategia fortemente condivisa per il contrasto ad ogni potenziale attività illecita nella filiera agro-alimentare, oltre che di tutela dei lavoratori e della aziende sane.

Il documento rappresenta un ulteriore step, dopo l’inaugurazione dell’ostello realizzato dal Comune di Siracusa nell’area di protezione civile ubicata nella frazione di Cassibile, grazie ai fondi resi disponibili dal Ministero dell’Interno e dalla Regione Siciliana come prima concreta risposta alle problematiche alloggiative degli stagionali extra-comunitari regolari. Il protocollo prevede che i firmatari, nell’ambito delle rispettive competenze e nel rispetto delle disposizioni di legge, si impegnino – tra l’altro – ad assicurare un’idonea sistemazione alloggiativa ai lavoratori, scongiurando così l’insorgere di baraccopoli e insediamenti spontanei, ad avviare una banca dati per l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, prevenendo il caporalato e lo sfruttamento lavorativo, a contrastare i rapporti fittizi di lavoro nel settore agricolo.

La sottoscrizione è prevista per il prossimo 27 maggio, con possibilità di richiedere eventuali modifiche ed integrazioni, condivise dalle parti, entro il termine del 23 maggio 2021.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo