In tendenza

Siracusa e il caso Evan su Rai1. Il padre: “la morte di mio figlio si sarebbe potuta evitare”

Lo Piccolo ha raccontato di aver ricevuto minacce dal compagno di Letizia Spatola, madre di Evan, e di aver denunciato poco prima della morte del piccolo

“La morte di mio figlio si sarebbe potuta evitare”. Così Stefano Lo Piccolo, padre del piccolo Evan, ha parlato a “Quante Storie”, andata in onda su Rai Uno lo scorso mercoledì, del figlio morto a poco più di 20 mesi al Pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica. Per l’omicidio del bimbo sono in carcere la madre, Letizia Spatola, e il compagno Salvatore Blanco. Quest’ultimo avrebbe più volte minacciato Lo Piccolo, secondo il racconto di quest’ultimo. Una violenza che non sarebbe passata inosservata agli occhi del padre, il quale racconta di aver presentato un esposto in Procura con urgenza proprio per denunciare le botte subite dal figlio. “Denuncia arrivata solo dopo la morte di Evan” – spiega l’avvocato di Lo Piccolo.

Ai microfoni di Rai Uno la criminologa Anna Vagli solleva il “problema etico” nella scarcerazione della madre chiesta dall’avvocato, ma respinta per inidoneità dell’appartamento in cui dovrebbe scontare gli eventuali domiciliari, così come anticipato da Siracusanews che si è anche occupata, tra l’altro, anche di tracciare il profilo di Blanco: già arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ma poi scagionato per incapacità di intendere e di volere. E da qui la Procura di Siracusa pare sia intenzionata a chiedere la perizia psichiatrica per Salvatore Blanco.

C’è da dire che in questa triste storia di cronaca anche Lo Piccolo, al momento, è indagato per maltrattamenti sul figlio nel periodo precedente al dicembre del 2019, mese in cui terminò il rapporto con la compagna.

Qui il video della puntata di Quante Storie su Rai Uno


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo