In tendenza

Siracusa e Piazza Duomo presenti in uno dei più importanti videogiochi mondiali di automobilismo

La nostra città, oltre ad essere meta abituale di un gran numero di turisti ogni anno, è stata, fino alla fine degli anni ’60 anche un tempio della velocità. É stato forse questo il motivo che ha spinto i creatori di uno dei più famosi giochi di automobilismo per consolle (Gran Turismo 6, di prossima uscita) ad inserire la piazza più bella e caratteristica della città, Piazza Duomo, nel video di presentazione del gioco.

Come già detto, il connubio tra Siracusa ed i motori è di vecchia data; la prima gara sul circuito di Siracusa venne disputata nel 1950 quando si corse la 1° edizione della Coppa d’Oro Sicilia e successivamente un anno dopo, nel 1951, si disputò la prima edizione del GP di Siracusa (mai valida però per il Campionato mondiale di categoria).

Per quanto fosse una gara fuori dal calendario del Campionato mondiale di Formula 1, ebbe un notevole riscontro di entusiasmo nei piloti e nel pubblico della Formula 1, tanto da farla diventare una tradizione per la città aretusea che da quel momento aprì annualmente la stagione delle corse europee; questo avvenne anche grazie al suo clima mediterraneo che permetteva la disputa della gara nei primi mesi dell’anno.

ll tracciato, in configurazioni diverse con lunghezze intorno ai 5,5 km, ospitò sedici Gran Prix di Formula Uno tra il 1951 e il 1967, con l’unica eccezione del 1962 in cui la competizione non ebbe luogo, e dieci edizioni della Coppa d’Oro Sicilia, oltre a gare di Formula 2 e nove edizioni della 3 Ore Notturna.

Le attività del circuito andarono avanti fino al 1969, quando la struttura aretusea venne dichiarata inagibile a causa della non idoneità ad ospitare un numero di pubblico sempre crescente, per le precarie protezioni e per alcuni tratti del tracciato diventati pericolosi.

Successivamente si cercò di finanziare un piano dedicato al ritorno alle competizioni motoristiche a Siracusa, con la costruzione iniziata nel 1972 dell’Autodromo Internazionale di Siracusa, un progetto che è rimasto fermo per molti anni durante i quali le competizioni non si sono tenute, ma dove collaudi e prove libere di auto e moto si sono svolti data la praticabilità del nastro di asfalto; solo nel 2013, però, sono stati stanziati dei fondi per il completamento e ammodernamento delle strutture dell’autodromo, funzionali alla sua apertura alle competizioni.

Tornando al videogioco, purtroppo però non è stato inserito alcun circuito cittadino rigurardante la nostra città, dato che le uniche novità presenti, per quanto riguarda le località, saranno: Gemasolar (Un enorme complesso di produzione di energia solare nei pressi di Sevilla), Willow Springs International Raceway (Famoso circuito sito in California) e Matterhorn, spettacolare percorso sulla ferrovia del Gornergrat, sul Monte Cervino.

Nonostante ciò, quello del video di presentazione è l’ennesimo riconoscimento internazionale per le nostre bellezze architettoniche e perchè no, anche per la nostra “antica” cultura motoristica.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo