In tendenza

Siracusa è tra le città col sistema produttivo più colpito dal covid

La città che fa registrare una percentuale più alta di imprese in area di rischio è Crotone, seguita subito dopo da Siracusa (25,5% nello scenario soft e 31,4% in quello hard)

Siracusa è tra le città col sistema produttivo più colpito dal covid. “Secondo uno studio che Cerved, operatore primario in Italia nell’analisi del rischio del credito e una delle principali agenzie di rating in Europa, ha prodotto l’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni italiani – dichiara il presidente provinciale del Forum delle Famiglie Salvo Sorbello – gli effetti del Covid saranno consistenti in tutte le città medie, con i ricavi prodotti nel 2020 che a seconda degli scenari potrebbero contrarsi in maniera molto consistente. È quindi indispensabile seguire costantemente e con la massima attenzione le conseguenze che il disastro economico provocato dal Covid-19 sta già producendo e continuerà purtroppo a farlo anche nel futuro sui sistemi produttivi e sulle famiglie delle città medie italiane come Siracusa che, per struttura e conformazione della nostra economia, rappresentano una fetta importante del Pil nazionale”.

Le previsioni di Cerved sono state elaborate monitorando gli andamenti di oltre 1.600 settori, tenendo conto delle misure restrittive e dei vari Dpcm introdotti nel corso della pandemia, e sulla base di due scenari: uno soft, in cui si ipotizza un graduale ritorno alla normalità a partire dal secondo semestre del 2020 e un percorso costante di ripresa dell’economia ed uno hard, in cui si ipotizza la persistenza di una situazione emergenziale nel corso di tutto il 2020 e una ripresa più lenta e incostante.

“In particolare – rileva Salvo Sorbello – si allarga purtroppo il divario tra le città del Centro-Nord e quelle del Mezzogiorno, con queste ultime che presentano una quota maggiore di imprese con profili di rischio più elevati. Sia nello scenario soft sia nello scenario hard, la città che fa registrare una percentuale più alta di imprese in area di rischio secondo il Cerved Group Score è Crotone, seguita subito dopo da Siracusa (25,5% nello scenario soft e 31,4% in quello hard) e Vibo Valentia. In tale contesto è quindi indispensabile sostenere gli sforzi delle imprese e delle famiglie siracusane, che non devono essere lasciate sole ad affrontare una crisi senza precedenti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo