fbpx

Siracusa: Ex fidanzato geloso la perseguita. Indagato per Stalking deve stare a più di 500 metri dalla vittima

Dopo aver troncato una burrascosa relazione con Francesco L. del 1961, la signora Anna (nome di fantasia), 30 anni, nel rientrare in casa la sera del 25 marzo scorso si rende conto che la sua abitazione è stata data alle fiamme.
A distanza di pochi giorni, la donna, dopo essere stata per l’ennesima volta pedinata, veniva aggredita a calci e pugni dall’ex fidanzato che si era appostato sotto casa.

Anche a causa del terrore che ne scaturisce per i fatti accaduti, la donna, nel frattempo, costretta a cambiare casa e le proprie abitudini, trova ospitalità, in cambio di alcuni lavori domestici, in casa di un conoscente cui per due volte viene danneggiata l’autovettura.
A distanza di un mese dall’incendio dell’abitazione, oltremodo esasperata ed angosciata, si presenta presso gli Uffici della Questura, ove racconta ai Poliziotti di un incessante calvario di minacce e ritorsioni poste in essere dal suo ex fidanzato che, in preda ad una irrefrenabile gelosia la pedinava continuamente in tutti i suoi spostamenti e la tempestava di telefonate e di sms dal contenuto minaccioso.

L’attività di riscontro, urgente, incisiva e minuziosa posta in essere dagli uomini delle Volanti ha permesso di individuare e denunciare per il delitto di Stalking l’ex fidanzato per il quale è stata disposta ed eseguita la Misura Cautelare che impone all’indagato di non avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima cui dovrà tenersi a distanza di almeno 500 metri.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo