Arriva “WhatsApp SiracusaNews”: per le segnalazioni dei lettori, basta un messaggio

In tendenza

Siracusa, Festa del Rifugiato: alla Graziella balli e canti nel segno della multiculturalità

Non è la prima volta che il quartiere nel cuore in Ortigia ospita l'evento e, in ogni occasione, si conferma multiculturale, inclusivo e accogliente

Balli, canti e sorrisi alla Graziella, ieri, per la Festa del Rifugiato. Non è la prima volta che il quartiere nel cuore in Ortigia ospita l’evento e, in ogni occasione, si conferma multiculturale, inclusivo e accogliente.

A organizzare la serata l’Anolf, l’associazione nazionale oltre le frontiere, la cooperativa Fatebenefratelli, Stella Maris onlus Siracusa, Spring Hill College Italy center e il mediatore culturale artista Ramzi Harrabi, artista che si è esibito anche in passato in svariati brani.

Uno dei momenti più emozionanti, e anche uno dei più classici, “Bella Ciao” cantata dalla folla in piazzetta


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo