In tendenza

Siracusa, festa di San Francesco di Sales: gli auguri dell’Arcivescovo ai giornalisti

Domani alle 12 si terrà una celebrazione eucaristica nella Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime

Il servizio del Giornalista impone generosità e abnegazione, correttezza umana ed intellettuale, coraggio e amore alla verità, anche contro i propri interessi personali“. E’ uno dei passaggi del messaggio di auguri che l’arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto, ha voluto inviare a tutti i giornalisti che domani, domenica 24 gennaio, celebrano la festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti. Mons. Lomanto, che è delegato per la Cultura e le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Siciliana, presiederà domani alle 12 una celebrazione eucaristica nella Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime. Concelebrerà il rettore del Santuario, don Aurelio Russo, consulente ecclesiastico dell’UCSI Siracusa. Al termine della messa i giornalisti rinnoveranno l’atto di affidamento alla Madonna delle Lacrime. L’iniziativa è promossa dall’Ufficio per la Pastorale delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi e dall’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) Sicilia, in collaborazione con il settimanale Cammino.

“La Festa di San Francesco di Sales, scelto quale patrono dei Giornalisti per la sua genialità nel comunicare, è motivo di “incoraggiamento” per quanti sono impegnati nella comunicazione sociale – scrive l’arcivescovo Lomanto nel suo messaggio -. Il potere insito nelle parole può fare la differenza: da come si utilizzano le parole si costruisce o si distrugge il bene comune. Viceversa, anche il silenzio può avere una forza distruttiva. ”

Scrive Fernando Pascual: «La stampa può esaltare o può denigrare. Può difendere o può attaccare. Può salvare o affondare. Ma ha una dimensione peculiare che non sempre ricordiamo: può tacere, nascondere». Il servizio del Giornalista impone generosità e abnegazione, correttezza umana ed intellettuale, coraggio e amore alla verità, anche contro i propri interessi personali. “Papa Francesco, maestro della comunicazione, raccomanda: «Anche quando raccontiamo il male possiamo imparare a lasciare lo spazio alla redenzione, possiamo riconoscere in mezzo al male anche il dinamismo del bene e dargli spazio».

“I telai della comunicazione” siano intessuti per cucire insieme i fatti in modo rispettoso della dignità della persona umana. Oggi – poiché la comunicazione è immediata, con la possibilità di arrivare in tutte le case, raggiungendo anche confini planetari – si impone una responsabilità maggiore nella divulgazione delle notizie che richiedono la compresenza di tre elementi: la Verità, la Giustizia e la Carità. Nessuna di queste tre componenti deve mancare se la notizia vuole essere classificata come buona. Le notizie false,  superficiali e grossolane possono equivalere a una condanna senza diritto di replica. San Francesco di Sales – che non cedette mai alla tentazione della polemica e della contrapposizione, ma cercò sempre la via del dialogo e della crescita – insegni a tutti a fare buon uso delle parole, affinché diventiamo costruttori e non distruttori del bene comune. Il Santo patrono della comunicazione sociale sia l’ispiratore del bene nella professione di tutti i Giornalisti. La Madonna delle Lacrime – che ha comunicato la pura verità dellʼamore di Dio con il linguaggio del suo pianto – sostenga il loro servizio e protegga tutte le loro famiglie”.

Mercoledì 27, con inizio alle 16 fino alle 18,15, l’Ucsi Sicilia e l’Ufficio per la Pastorale delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Siracusa hanno organizzato un corso di formazione in webinar per i giornalisti. Il corso dal titolo: Vieni e vedi” (Gv 1,46). Comunicare incontrando le persone come e dove sono” vedrà come relatori Vania De Luca, presidente nazionale Ucsi; Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Cei; Mons. Francesco Lomanto, Arcivescovo di Siracusa e Delegato Episcopale per le Comunicazioni Sociali e Cultura della Conferenza Episcopale Siciliana; don Paolo Buttiglieri, Consulente Ecclesiastico Ucsi Sicilia; e Gaetano Rizzo, consigliere nazionale Ucsi. Modera Salvatore Di Salvo, componente della Giunta Nazionale Ucsi.

Il corso, che assegna tre crediti formativi, è organizzato con l’Ordine dei Giornalisti di Sicilia.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo