In tendenza

Siracusa, fondi per il Pnrr per gli impianti di riciclo. Ficara: “sfida e occasione per il territorio”

"I bandi hanno scadenza attorno alla metà di febbraio - ricorda Ficara- . Il Pnrr va veloce ed anche i nostri Comuni dovranno farlo"

Questo è l’anno del Pnrr e della possibilità di rafforzare settori ed investimenti locali grazie ai bandi che, di settimana in settimana, vengono pubblicati dai Ministeri.

Quello della Transizione Ecologica ha messo a disposizione dei Comuni italiani 500 milioni di euro per la realizzazione di un sistema avanzato di sorveglianza/monitoraggio integrato, a lungo termine, per prevenire l’illecito conferimento di rifiuti; altri 2,1 miliardi di euro sono invece il tesoretto di altri 7 bandi che puntano al miglioramento dell’attuale gestione dei rifiuti, attraverso la realizzazione di infrastrutture a supporto della raccolta differenziata (come i CCR) e in impianti di riciclo. I Comuni devono inviare i loro progetti secondo le diverse scadenze, per ricevere le necessarie risorse per poi completare entro il 2026 tutti gli interventi.

È subito evidente che per una provincia, come quella di Siracusa – dice il parlamentare nazionale del M5S Paolo Ficara – purtroppo fortemente interessata dal fenomeno delle discariche abusive, dell’abbandono di rifiuti e con pochi impianto a supporto, queste possibilità di intervento con fondi del Pnrr rappresentano una sfida ed una occasione al tempo stesso. ”

La disponibilità di progetti o la capacità di dotarsene a breve permetterà ai Comuni del siracusano di riuscire a mettere in campo tutte quelle iniziative necessarie per correggere cattive abitudini del territorio e carenze strutturali che, ogni giorno, presentano un pesante conto ambientale alla collettività.

Comprendo che per molti enti locali la ridotta capacità di predisporre progetti attraverso figure interne rappresenti un forte limite – prosegue il parlamentare -, come nel caso del Comune di Siracusa. Il governo, proprio per questo, è intervenuto nei mesi scorsi, garantendo 9 professionalità a supporto grazie al concorso bandito dall’Agenzia per la Coesione Territoriale. Una task force che deve diventare il motore del Pnrr a Siracusa.

Di recente, poi, è stato firmato dal Comune di Siracusa un interessante protocollo d’intesa con la facoltà di Architettura.  “I bandi hanno scadenza attorno alla metà di febbraio – ricorda Ficara- . Il Pnrr va veloce ed anche i nostri Comuni dovranno farlo. Auguro loro buon lavoro – conclude – auspicando che dal capoluogo ai vari centri in provincia, tanti possano centrare l’obiettivo e potenziare il sistema locale della raccolta dei rifiuti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo