In tendenza

Siracusa, Francesco si è sottoposto all’ultimo intervento. “Adesso ha le ossa fragili come quelle di un neonato, ma tornerà a correre e camminare”

"Il chirurgo ha fatto il possibile - spiega Antonio Germano - ha ricostruito e allungato l'osso del piede di Francesco. Adesso è tutta responsabilità di mio figlio avere cura di non sbattere o caricare pesi su quella gamba"

Cammina più spedito rispetto all’ultima volta che lo abbiamo incontrato, ha ancora il tutore al piede e, soprattutto, deve stare attento a non fare sforzi. Oggi però Francesco Germano ha 12 anni e presto tornerà a correre e giocare con i suoi amici. Ma non subito. “Francesco ha le ossa fragili come quelle di un neonato in questo momento”, dice papà Antonio, di ritorno dall’Humanitas di Milano dove, finalmente è stato completato l’iter di interventi alla gamba del piccolo. QUI il video

“Il chirurgo ha fatto il possibile – spiega Antonio Germano – ha ricostruito e allungato l’osso del piede di Francesco. Adesso è tutta responsabilità di mio figlio avere cura di non caricare pesi su quella gamba”.

Il percorso per tornare alla normale vita di un adolescente è ancora lungo, ma il passo più importante è stato fatto grazie alla raccolta fondi lanciata dalla famiglia del 12enne.

“Si sono mobilitati in tantissimi per mio figlio – continua papà Antonio – Dai miei amici, ai tifosi del Siracusa calcio che hanno coinvolto le curve degli stadi di tutta Italia, e quasi tutti i commercianti della città”.

Per Francesco adesso si apre una nuova vita, ma al momento è ancora difficile essere un ragazzino come gli altri. “A scuola non posso fare educazione fisica – racconta il 12enne – E quindi quando gli altri fanno sport io mi siedo e leggo un libro”. Una fase di passaggio che, per dirla in termini sportivi, sembra proprio un pit stop verso il futuro.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo