In tendenza

Siracusa, furti e truffe ai danni di anziani: fermata una donna, notificato l’obbligo di dimora

La donna, irreperibile nella propria residenza, è stata rintracciata in un B&B a Catania

Nel pomeriggio di ieri, agenti della Squadra Mobile hanno notificato la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel territorio del Comune di residenza, con l’ulteriore prescrizione dell’obbligo di permanenza domiciliare notturna, emessa dal Tribunale di Siracusa, nei confronti una donna siracusana di 51 anni, che, nel mese di agosto, si è resa responsabile di furto aggravato di una fede nunziale in oro, sottraendola con destrezza.

Inoltre, mediante minaccia, costringeva la vittima a consegnarle del denaro mediante un prelievo della massima somma disponibile in uno sportello bancomat, non conseguendo l’intento per la reazione della persona offesa che sporgeva denuncia.

La donna, inoltre, è responsabile del reato di truffa aggravata, in danno un uomo di anni 79, poiché con artifizi e raggiri convinceva la vittima sulla sua assoluta necessità di acquistare dei farmaci indispensabili alla propria salute e di dover pagare alcune bollette insolute, lo induceva in errore a versarle del denaro in contante, per un importo complessivo pari a 485 euro, rendendosi subito dopo irreperibile.

Infine, nel mese di settembre, la donna si è resa responsabile di furto aggravato in danno un uomo di anni 76, per essersi impossessata di tre carte bancomat comprensive dei relativi codici pin, sottraendole all’uomo con destrezza, utilizzandone una per effettuare dei pagamenti e del reato di ricettazione di un telefono cellulare.

La donna, irreperibile nella propria residenza, è stata rintracciata in un B & B a Catania, e al termine delle incombenze di rito, veniva invitata a recarsi alla propria residenza anagrafica, al fine di adempiere agli obblighi impostigli.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo