Siracusa: Giovane di 22 Anni In Manette Per Tentata Estorsione a Ditta Edile

Sono scattate ieri pomeriggio le manette ai polsi per Cassia Daniele, 22 anni, pregiudicato. Ad eseguire l’arresto ci hanno pensato gli agenti della Squadra mobile della Questura di Siracusa in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Catania e dopo una complessa attività investigativa, condotta con tradizionali metodi investigativi e sofisticate tecnologie.

I fatti risalgono alla primavera dello scorso anno quando il Cassia aveva preso di mira una ditta edile di Priolo, impegnata nella costruzione di numerosi alloggi popolari per conto dell’Istituto Autonomo Case Popolari e nei lavori per la costruzione di un lotto dell’autostrada A18 Siracusa – Catania.

Il giovane, per meglio sostenere la sua attività criminale ai danni dei costruttori, aveva collocato, all’interno del loro cantiere, una tanica di benzina accompagnata da un esplicito biglietto minatorio: un vero messaggio firmato secondo i tradizionali canoni della malavita. Il Cassia infatti, nonostante la giovane età è inserito a pieno titolo nella clan mafioso dei Bottaro – Attanasio.

Ma proprio quel biglietto, quella precisazione in più, lasciato accanto alla tanica, lo ha tradito. Da quello infatti la scientifica ha potuto rilevare un’impronta digitale e risalire all’identità dell’autore.
Con l’accusa di tentativo di estorsione aggravata si sono aperte per il Cassia le porte della Casa Circondariale di Cavadonna.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo