Siracusa, Go-bike, parcheggi e bus elettrici: quando i vandali rovinano quel poco che c’è

Un bus navetta inutilizzabile, una colonnina Sos fuori servizio e un incasso serale andato in fumo. Questo il bilancio dei danni subiti dal Comune di Siracusa negli ultimi 5 giorni da parte dei vandali

Un bus navetta inutilizzabile, una colonnina Sos fuori servizio e un incasso serale andato in fumo. Questo il bilancio dei danni subiti dal Comune di Siracusa negli ultimi 5 giorni da parte dei vandali. Se da una parte è vero che la città non spicchi per offerta dei servizi, dall’altra è anche vero che quel poco che abbiamo viene bistrattato, anzi vandalizzato. Impossibile non stigmatizzare quanto avvenuto ultimamente in più parti della città, a partire dall’ultima segnalazione.

Ignoti hanno rubato sellini e ruote delle biciclette del servizio “Go bike” al Monumento ai Caduti. Un evento che si era già verificato all’indomani della messa in servizio delle nuove biciclette. Oggi come ieri il Comune ha proceduto a presentare formale denuncia, sperando che le telecamere della zona possano aiutare gli inquirenti a far luce sull’accaduto. Vandali in azione anche nei due parcheggi a pagamento dell’ente, ultimamente sotto i riflettori della politica per la volontà da parte di palazzo Vermexio di dare in gestione a privati il servizio.

Sabato è stato il turno del Talete, dove qualcuno ha divelto una colonnina Sos, mentre domenica sera è toccato Molo Sant’Antonio. Qui, ignoti hanno divelto l’armadietto dei comandi elettrici, spegnendo il sistema. Sbarre bloccate e autisti costretti ad attendere l’arrivo della Polizia Municipale per essere “liberati”. Una bravata costata cara al Comune che in virtù del sistema andato momentaneamente ko (anche le casse di conseguenza si sono disattivate), ha dovuto rinunciare al potenziale incasso.

Infine anche il bus navetta elettrico che presta servizio all’interno del cimitero non è stato esente da “particolari attenzioni”. Anche in questo caso, dei ladri si sono introdotti all’interno del cimitero comunale, rubando la colonnina di alimentazione del bus. Duemila euro i danni per l’ente e servizio non disponibile per gli anziani che vogliono far visita ai propri cari.

Bisogna capire – commenta il sindaco, Giancarlo Garozzo – se si tratta di un disegno per colpire un determinato settore o se sono casi scollegati. Una situazione comunque sconfortante, che causa danni economici al Comune e disagi ai cittadini onesti fino a quando non provvederemo a porre rimedio. Il nostro impegno per la città non verrà mai meno, ma avremo successo se ci sarà la collaborazione della gente, che deve imparare a rispettare ciò che appartiene a tutti. Danneggiare un bene comune equivale a fare un danno a se stessi”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo