In tendenza

Siracusa, grande partecipazione all’Agorà del Partito Democratico

Nelle tavole rotonde, condotte da Antonella Fucile e Faust Fiorini, si sono alternati amministratori, volontari, cooperatori, operatori, tutti con l’obiettivo di trovare soluzioni per migliorare il funzionamento dei distretti socio-sanitari

Partecipata fino a tarda sera l’Agorà che si è tenuta ieri, venerdì 26 novembre nella Sede Provinciale PD di Siracusa su Coesione e inclusione sociale – Il Pnrr e il Sud – Una sorta di assemblea di tutti gli operatori dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari su tematiche fondamentali riguardanti la vita dei cittadini, di donne, delle famiglie e dei soggetti più fragili e più deboli.

Nelle tavole rotonde, condotte da Antonella Fucile e Faust Fiorini, si sono alternati amministratori, volontari, cooperatori, operatori, tutti con l’obiettivo di trovare soluzioni per migliorare il funzionamento dei distretti socio-sanitari. Somme non spese, mancanza di governance, assenza di una rete sociale forte, carenze di personale per la programmazione, organizzazione e gestione dei servizi, difficile rapporto con il Terzo Settore, spesso, utilizzato dai comuni come paracadute nei momenti più complessi.

Eppure, sono tantissime le normative regionali e nazionali a supporto dell’utenza e dei gestori dei servizi. Nel dibattito ha assunto un ruolo di garante dell’efficacia e dell’efficienza dei servizi, l’ordine professionale degli assistenti sociali, nelle persone del presidente nazionale, Gianmario Gazzi, e della vicepresidente regionale, Maria Concetta Storaci. Il vicepresidente dell’Anci, Paolo Amenta, ha ipotizzato più piste per meglio far funzionare i distretti. Molti di questi interventi, sono già stati sperimentati nell’ “Aod” (Area Omogenea Distrettuale) Valle dell’Anapo, che raggruppa i Comuni di Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Cassaro, Ferla, Palazzolo Acreide e Sortino.

Di questo il sindaco di Canicattini Bagni, Marilena Miceli ha trattato nel suo intervento, proponendo delle buone prassi che hanno avuto ottima applicabilità. L’intervento dell’On.le Michele Bordo, vice responsabile dell’organizzazione del PD con delega al Mezzogiorno e coesione, ha evidenziato quanto importante sia la capacità di saper programmare le somme aggiuntive del Pnrr in generale ed in particolare nei servizi essenziali a partire dalla sanità, istruzione e mobilità. “Non importa quale quota venga prevista per il Sud, l’importante è avere la capacità di programmare sul fabbisogno e spendere le somme disponibili.”

Ha concluso i lavori, il Segretario provinciale Salvo Adorno, evidenziando l’importanza dell’evento. “Le parole d’ordine sono state: confronto, condivisione, dialogo, messa in rete delle competenze, mai contrapposizione. Il partito deve proseguire su questa strada, nel trovare soluzioni a supporto del buon governo e per fare questo deve essere presente nei territori”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo