In tendenza

Siracusa, Ias ha speso oltre 330 mila euro in 15 mesi per consulenze legali

In 15 mesi si parla di una spesa da parte di Ias per oltre 330 mila euro, quasi esclusivamente per legali esterni all’azienda

Nonostante le resistenze della presidente del Cda di Ias di Priolo Gargallo, diamo atto al responsabile per la prevenzione della corruzione e trasparenza, Carmelo Spataro, di aver mantenuto la promessa: come richiesto (e come previsto) sono stati resi pubblici gli incarichi di collaborazione e consulenza del 2021 e del 2022 (aggiornati fino a marzo). Mancano i verbali del Consiglio di amministrazione, anche “omissati”, ma pare non sia obbligatoria la pubblicazione per via del trattamento di notizie riservate. Vedremo. Intanto cerchiamo di fare chiarezza, partendo dal 2022.

In attesa della pubblicazione dell’incarico all’avvocato Carmen Toro, i nomi sono quelli che avevamo detto nel precedente articolo. Quasi tutti avvocati o studi legali, con la sola eccezione di Davide Giusto Guidi che per 7 mila euro annui è l’addetto alla comunicazione. Per il resto ci sono Gianluca Rossitto con la consulenza e assistenza stragiudiziale in diritto amministrativo per 20 mila euro annui; lo studio Mauceri e partners in consulenza legale in materia societaria e amministrativa a supporto dell’operato del Cda per 21.500 euro; Pietro Ferlito per consulenza giuslavoristica e in ambito stragiudiziale a 9 mila euro; Ezechia Paolo Reale per consulenza legale in materia penale a supporto dell’operato del Cda a 20 mila euro, cui si aggiungono 26.860 euro per lo studio legale associato Sallicano&Reale e Abbadessa e Franchina nell’incarico congiunto su disposizione del presidente del Cda per assistenza, consulenza e difesa in giudizio nell’ambito e contro un atto di citazione al tribunale delle imprese. In totale, quindi, al 31 marzo sono stati affidati incarichi annuali per oltre 104 mila euro. E non è finita.

Anche perché gli incarichi affidati nel 2021, lì esclusivamente ai legali, sono costati più di 228 mila euro. I nomi sono perlopiù gli stessi: Rossitto per oltre 68 mila euro 4 incarichi per la difesa a tutela di Ias al Tar sull’inadempimento Asi Irsap, contro la Regione per resistere contro la nota che impone l’Aia all’impianto, su alcune procedure esecutive e procedimenti penali e amministrativi; agli avvocati Sallicano e Fillioley il recupero del credito vantato da Ias contro Eni per oneri di spese connesse all’attività di smaltimento fanghi. Allo studio legale associato Sallicano&Reale e Abbadessa e Franchina sono andati invece 42.784 euro per la difesa nell’ambito del giudizio promosso dal Comune di Melilli. A Francesco Favi circa 44 mila euro per la consulenza e la difesa in 4 procedimenti penali, a Pietro Ferlito quasi 30 mila euro in merito alla causa di lavoro sul licenziamento di ex dipendenti e per consulenze. E ancora: ad Aurelio Mirone 4 mila per un parere legale richiesto dal collegio sindacale e ad Angelo Cuva 13.500 euro per la difesa sui ricorsi in Cassazione sulle Ici 2010 e 2011.

Quindi in 15 mesi si parla di una spesa da parte di Ias per oltre 330 mila euro, quasi esclusivamente per legali esterni all’azienda. Alcuni per consulenze, altri per incarichi portati – o da portare ancora – a termine.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo