In tendenza

Siracusa, il Rotary mette a disposizione del territorio 145 saturimetri per il monitoraggio a domicilio dei soggetti più fragili

Il progetto prevede che i saturimetri siano distribuiti nei territori dei tre Club sponsor dell’iniziativa, tramite la Fimmg, a Medici di Medicina Generale

Si è svolta il 12 novembre, nella sede dell’Ordine dei Medici di Siracusa, la consegna di 145 pulsi-ossimetri che il Rotary Club Siracusa Monti Climiti ha acquistato insieme, al Rotary Club Noto Terra di Eloro, il Rotary Palazzolo Acreide Valle dell’Anapo, e alla Rotary Foundation.

Il progetto prevede che i saturimetri siano distribuiti nei territori dei tre Club sponsor dell’iniziativa, tramite la Fimmg, a Medici di Medicina Generale, che a loro volta li daranno in uso temporaneo a pazienti Covid paucisintomatici o a soggetti fragili a rischio, per rilevare i parametri vitali direttamente dal domicilio e in sicurezza.

Presenti alla cerimonia di consegna la dr.ssa Rosalia Raiata, Presidente del Rotary Club Siracusa Monti Climiti, il dottor Cirino Guido Bruno e l’avvocato Raffaele Randazzo, rispettivamente in rappresentanza del Rotary Noto e Rotary Palazzolo Acreide, il dottor Salvatore Madonia, Direttore Sanitario dell’Asp-8 di Siracusa, il dottor Anselmo Madeddu, presidente dell’Ordine dei Medici di Siracusa, il dottor Giovanni Barone e il dottor Riccardo Lo Monaco, presidente e segretario della Fimmg provinciale di Siracusa.

Salvatore Madonia è intervenuto dicendo che la medicina del territorio ha un’importanza fondamentale nella lotta al Covid, e si complimentato col Rotary perché alla base del progetto c’è una bellissima idea: questo strumento, che potrebbe sembrare un giocattolo, in realtà permette di ridurre il ricorso al ricovero ospedaliero, perché sino a quando non segnala un abbassamento della saturazione di ossigeno, il paziente monitorato non deve essere ricoverato, e resta a casa seguito dal proprio Medico di Medicina Generale o dall’Usca.

In collegamento streaming è intervenuto anche il l’ingegner Alfio Di Costa, Governatore del distretto rotary 2110 Sicilia e Malta, che ha sottolineato come il Rotary non si fermi neanche in questi difficili momenti, dando in concreto vita alle sue finalità, intervenendo nel territorio con le proprie risorse e le alte professionalità dei suoi soci.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo